Englaro, 14 indagati. Il padre per omicidio volontario

0
177

Non è in seguito alla denuncia dell’associazione “Scienza e Vita” che il Procuratore della Repubblica di Udine, Antonio Biancardi indaga su 14 persone: tra le altre anche, Beppino Englaro, l’anestesista Amato De Monte che ha guidato l’equipe medica che ha attuato il protocollo per il distacco del sondino della donna, e 12 componenti dell’associazione ‘Per Eluana’.

L’Associazione ‘Scienza e Vita’ ha replicato alla notizia lanciata questa notte da un’agenzia di stampa riguardo alla presunta denuncia presentata alla procura di Udine. L’associazione scrive in un comunicato di “non aver mai presentato alla Procura di Udine alcuna denuncia verso chicchessia per omicidio volontario in relazione alla vicenda della signora Eluana Englaro. Il Coordinamento Friulano “Per Eluana e per tutti noi”, a cui ‘Scienza e Vita’ aderisce come socio fondatore ha presentato, mentre ancora la signora Englaro era viva e ricoverata alla Quiete, degli esposti nei quali si evidenziavano i motivi per cui, secondo le informazioni diffuse, si riteneva l’esecuzione del protocollo in contrasto con le leggi ed i regolamenti sanitari vigenti, invitando le autorita’ giudiziarie ad attivarsi affinche’ fosse interrotto il processo inteso ad affrettare la morte di Eluana”.