Droga, bilancio 2008 sulle tossicodipendenze

0
183

Diminuisce il consumo di cocaina ed eroina nei giovani al di sotto dei 20 anni, ma cresce quello di cannabis: questo è solo uno dei dati illustrati il 30 giugno 2009 dal sottosegretario Carlo Giovanardi nel corso della conferenza stampa di presentazione del rapporto 2008 sullo stato delle tossicodipendenze in Italia. Per quanto riguarda i dati relativi alla popolazione al di sopra dei venti anni, vi è un generale aumento del consumo di tutte e tre le sostanze.

Da rilevare una crescente tendenza al policonsumo, a cui spesso si associa il consumo di alcol. Più in generale è stato stimato che i soggetti tra i 15 e i 64 anni con bisogno di trattamento siano circa 385.000, contro i 174.000 effettivamente in cura presso i Ser.T. (Servizi Pubblici per le Tossicodipendenze del Sistema Sanitario Nazionale).

L’Umbria, le Province autonome di Trento e Bolzano, la Basilicata e la Calabria sono le regioni con maggiori assuntori di eroina in trattamento; Lombardia, Molise e Sicilia sono quelle con più alta percentuale di consumatori di cocaina. Rispetto ai trattamenti preoccupa il fatto che sia molto ampio, 12-14 anni, il lasso di tempo che intercorre tra il primo momento di utilizzo della sostanza e quello in cui i soggetti accedono ai servizi per chiedere aiuto.

Cala il numero di morti per overdose: da 589 (nel 2007) si è passati a 502 (del 2008), con una diminuzione del 14,7%.

Quanto allo spaccio di sostanze stupefacenti, cresce il numero di minori in carcere: dal 2007 al 2008 i minori arrestati per spaccio sono aumentati del 38% e uno su due è straniero.

Da sottolineare, infine, l’aumento della vendita di sostanze stupefacenti tramite Internet.