Coisp: “Continua il bluff sulle ronde, si parla di volontari che vengono rimborsati.”

0
187

Dal Coisp ( Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia) riceviamo e pubblichiamo.

“Questa ci mancava. Ma le ronde non dovevano essere dei gruppi esclusivamente volontari? Evidentemente no, se è vero come è vero che in Parlamento viene discussa la possibilità per i Comuni di rimborsare i volontari delle ronde. Lo prevede infatti un comma della bozza dell’emendamento “omnibus” del relatore alla Finanziaria, Massimo Corsaro. La proposta di modifica aggiunge la possibilità per i Sindaci di avvalersi di associazioni di cittadini ai fini di sicurezza, la “possibilità di rimborso da parte dei Comuni delle spese sostenute dalle predette Associazioni”.
“Quindi facciamo due conti – osserva Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – con quali soldi i Comuni dovrebbero rimborsare i volontari delle ronde? Evidentemente con quelli dei cittadini, i quali però con le loro tasse in qualche modo “già pagano” per avere dei servizi legati alla sicurezza. Una catena perversa – dice ancora Maccari – che crea solo clientela e di certo non dà ai cittadini quel grado di sicurezza che meritano. Abbiamo in Italia dei Comuni tanto virtuosi da potersi permettere di rimborsare dei volontari che girano di notte per le strade? Bene noi proponiamo un contro emendamento. I Sindaci rimborsino la benzina e le auto delle Forze di Polizia, diano i loro contributi al pagamento degli straordinari per quei Poliziotti che fanno servizio di notte a volte in condizioni precarie”.
“Basta con queste pagliacciate, – conclude il Segretario Generale del Sindacato Indipendente di Polizia – basta con queste prese in giro. A questo punto passeremo davvero all’attacco e sul primo Comune che rimborserà, anche ad associazioni occultate da altri scopi, il servizio di ronde, chiederemo controlli strettissimi sui conti con interventi punitivi nei confronti di quelle amministrazioni che utilizzano un argomento serio come la sicurezza per fare clientela.”