Lampedusa. Barcone si ribalta. 130 dispersi. Proseguono i trasferimenti in Lazio e Toscana

0
72

Lampedusa, 6 aprile 2011 – Tragedia a largo di Lampedusa, dove un barcone con 200 migranti a bordo si è rovesciato durante le operazioni di soccorso. Fino ad ora sono state portate in salvo solamente 48 persone, mentre sono già stati avvistati 20 cadaveri. Altre 130 persone sono ancora disperse.

L’imbarzazione, molto probabilmente proveniente dalla Tunisia, aveva chiesto soccorso durante la notte alle autorità maltesi, che hanno allertato la Capitaneria di porto e la Guardia di Finanza italiane. Nonostante l’intervento di due motovedette, a causa del mare molto agitato e della concitazione a bordo dell’imbarcazione, ogni tentativo di salvare i migranti caduti in mare è stato inutile. Da Catania si è alzato in volo anche un elicottero della Capitaneria di porto attrezzato per le ricerche.

Intanto, nella notte, è proseguita l’ondata di sbarchi sull’isola, dove sono giunti altri 351 immigrati, tra cui 18 donne e 5 bambini. Dopo gli altri trasferimenti della giornata di ieri, al momento sull’isola ci sono circa 1500 extracomunitari.

Questa mattina nel porto di Livorno è invece arrivata la motonave Clodia con a bordo 200 migranti destinati ai vari centri di accoglienza della Toscana. Prima di giungere a Livorno, nella notte la motonave della Tirrenia ha fatto scalo a Civitavecchia, dove sono scesi 840 tunisini diretti in Lazio e Molise. I 200 migranti giunti a Livorno, invece, verranno così distribuiti: 10 a Villa Morazzana (Livorno), 15 a Rimigliano San Vincenzo (Livorno), 10 a Capannori (Lucca), 40 a Pisa San Rossore, 30 a San Piero a Grado (Pisa), 20 a Santa Croce, 32 a Arezzo, 30 a Barberino di Mugello (Firenze), 5 a Sesto Fiorentino, 5 a Firenze, 15 a Sovicille (Siena).