La cantante bresciana, Annalisa Stroppa, canterà il primo ruolo pucciniano del suo repertorio

0
154

Dopo aver inaugurato la stagione del Liceu di Barcellona nel 2014,
quest’anno il mezzosoprano Annalisa Stroppa parteciperà alla prima opera
della stagione 2015/2016 dell’Opera National di Parigi con un doppio
debutto. Oltre a cantare per la prima volta nella sede dell’Opera Bastille
infatti, Stroppa aggiungerà al suo repertorio il primo ruolo pucciniano,
quello di Suzuki di Madama Butterfy¸ uno dei pochi personaggi pensati dal
compositore di Torre del Lago per la corda di mezzosoprano. “Si tratta di
una delle opere più rappresentate al mondo, grazie non solo alla bellezza
della musica ma anche all’intensità della storia, che tocca i più profondi
sentimenti umani”, ha affermato Stroppa.
“Puccini si immerge nel cuore umano alla ricerca dei sentimenti legati
all’amore, e parla di sensazioni ed emozioni universali”. Anche se l’opera
si svolge in Giappone, la cantante italiana ritiene che potrebbe accadere in
qualsiasi luogo o momento storico: “il dramma di un amore impossibile può
succedere a chiunque, e non parlo solo di un amore tra uomo e donna ma tra
due mondi e culture così diversi. Pinkerton è rappresentato come un
americano, superficiale e cinico; Cio Cio San è una giapponese, giovane,
fragile, bisognosa d’amore, anzi che fa dell’amore la sua religione”. Il
successo dell’opera è fortemente legato all’empatia che Butterfly suscita
nello spettatore: “Sogna e vive in un mondo tutto suo, fatto di sentimenti
immaginari e di attese. Vive un amore platonico, nutrito al riparo da una
realtà troppo crudele e cinica. La musica di Puccini rispecchia tutto questo
e parla direttamente al cuore. Un’altra cosa che personalmente mi colpisce
molto è il rapporto di Butterfly col padre, che ne influenza ogni azione e
pensiero: Cio-Cio-San ha solo 15 anni e suo padre è morto quando lei era
ancora una bambina. In Pinkerton lei vede quell’affetto che le è mancato
durante la sua infanzia, cerca un uomo che possa proteggerla e che le voglia
bene”.
Il personaggio di Suzuki condivide con Butterfly uno dei momenti più belli
dell’opera, il duetto dei fiori: “è un momento pieno di esotismo e di tenera
speranza. Puccini non era mai stato in Giappone ma ha saputo ricostruire, in
particolare all’interno di questo duetto, un esotismo molto affascinante e
coinvolgente É un quadro pittorico-musicale in cui si intrecciano voci e
immagini”. Suzuki in realtà non è “solo la serva di Butterfly, è come una
sorella, che anche se conosce la verità, cerca di proteggerla e resta con
lei fino alla fine”.
Annalisa Stroppa sarà Suzuki a Parigi tra il 5 settembre e il 13 ottobre, in
una produzione con la regia di Robert Wilson e la direzione d’orchestra di
Daniele Rustioni. In seguito tornerà a Barcellona come Ascanio in Benvenuto
Cellini, sarà Maddalena in Rigoletto alla Scala di Milano, la protagonista
de La Cenerentola a Tel-Aviv, Rosina de Il barbiere di Siviglia a Bilbao e
la Regina Enriqueta de I Puritani nel Teatro Real de Madrid.