Una visita ai Giardini di Castel Trauttmansdorff

Un’idea per trascorrere nei ponti del 25 aprile e del 1° maggio una giornata nella natura, tra colori, dolci suoni e profumi

0
169

La primavera è ufficialmente arrivata e la voglia di ferie si fa sempre più intensa, via via che le temperature diventano più gradevoli e che il sole conferma la sua presenza. Quest’anno, un primo assaggio di vacanza, prima della pausa estiva, è costituito dai ponti del 25 aprile e del 1° maggio, che consentiranno qualche giorno di riposo, utile per organizzare una gita o un breve soggiorno, ad esempio in Alto Adige, meta molto ambita per i suoi paesaggi, la natura incontaminata, l’ospitalità, la tradizione, la cucina, l’arte e la cultura che soddisfano ogni genere di turista.

Questa regione, nello specifico la città di Merano, vanta un primato importante: ospita i Giardini di Castel Trauttmansdorff, altrimenti noti come i Giardini di Sissi, uno spettacolare anfiteatro botanico con piante provenienti da tutto il mondo, stazioni sensoriali, installazioni artistico- architettoniche, molteplici giardini a tema e oltre 80 paesaggi naturali perfettamente ricreati.

Una visita ai Giardini di Castel Trauttmansdorff nei mesi di aprile-maggio è un’occasione da non perdere: ammirare il tripudio di germogli e boccioli, di prati fioriti e di alberi e arbusti in fiore è davvero un’esperienza unica e magica. Una meraviglia di colori, intense fragranze, dolci sonorità d’acqua che trasmettono ai visitatori un grande senso di benessere e di nuova energia.

In questo periodo, inoltre, c’è la spettacolare fioritura dei rododendri e all’interno dei Boschi del Mondo, una delle quattro aree tematiche dei giardini, il Pendio a loro dedicato si anima con più di cento tra specie e varietà, nelle sfumature dal bianco all’intera gamma dei gialli, salmone e rosa fino al rosa intenso e al viola scuro. Anche le peonie arbustive, soprattutto a fine aprile, raggiungono il massimo del loro sfarzo.

Un altro fiore che regna sovrano ai Giardini di Sissi è il tulipano, con oltre 150.000 esemplari variopinti dalle diverse forme, tra cui, oltre a quelli semplici, si possono scoprire quelli a fiore di peonia e di giglio. Per di più, piante annuali primaverili come papaveri, nontiscordardime,pratoline, viole del pensiero e violaciocche formano chiazze variopinte distribuite per tutta l’area.

Per ammirare questo paradiso botanico vengono organizzate tutti i giorni delle visite guidate, vere e proprie “esplorazioni botaniche” alla scoperta di dettagli interessanti e curiosi sull’affascinante mondo delle piante: dalle 11 alle 12.30 nei mesi di aprile, maggio, ottobre e novembre e dalle 10.30 alle 12 in giugno, luglio, agosto e settembre al costo di 6 € (escluso il biglietto di ingresso e senza prenotazione).

Sono anche previste visite guidate di gruppo in varie lingue (la prenotazione va effettuata 2/3 settimane prima), visite guidate personalizzate, con la possibilità di scegliere l’argomento da approfondire (sempre da prenotare 2/3 settimane prima) e visite guidate per famiglie, in cui si illustrano i concetti botanici in modo semplice, divertente e appassionante per tutti (da prenotare con 1 giorno di anticipo).page3image6192

Suddivisi in quattro aree tematiche, i Giardini di Castel Trauttmansdorff presentano, su una superficie di 12 ettari, più di 80 paesaggi botanici con piante da tutto il mondo. La loro posizione panoramica è unica: a forma di anfiteatro naturale, si estendono su un dislivello di oltre 100 metri, aprendo a ogni passo affascinanti prospettive panoramiche sulle montagne circostanti e sulla città di Merano e integrandosi con perfetta armonia nel paesaggio naturale circostante. Grazie al clima mite del territorio, quello dei Giardini di Castel Trauttmansdorff è il luogo ideale per un giardino botanico, offrendo la possibilità di ospitare piante provenienti da tutto il mondo, alcune delle quali sono esemplari rari o addirittura unici. Meravigliosi tripudi di fioritura cambiano l’aspetto dei Giardini settimana dopo settimana, rendendo le visite affascinanti in ogni stagione.

Grazie al mix unico di giardino botanico e attrazione turistica, al riuscito connubio tra natura, cultura e arte e al loro inconfondibile spirito d’innovazione, i Giardini di Castel Trauttmansdorff sono stati premiati più volte a livello nazionale, europeo ed internazionale.