Maccari, neo Vice Presidente: “In cammino insieme con straripante entusiasmo”

0
212

“Questo inizio d’estate segna per l’FSP Polizia un momento bello ed esaltante allo stesso tempo, grazie alle tante novità che, dopo una costante crescita di sei anni consecutivi, ora, arrivano a sugellare la forza dei valori che da sempre ci spingono, e che trascinano e uniscono anime avvinte dal comune denominatore della caparbia volontà di operare a tutela dei diritti del personale della Polizia di Stato. Siamo orgogliosi della nostra identità, dei nostri valori e della granitica realtà che siamo arrivati a rappresentare, e la soddisfazione per un percorso così positivo può aumentare solo in momenti come questo, incrociando altre vite, altre esperienze, altri saperi che arricchiscono ulteriormente il grande bagaglio umano e professionale che, come sempre, mettiamo a disposizione dei colleghi. Non potremmo, dunque, salutare con maggior favore i tanti amici che si stanno unendo al nostro viaggio e che via via numerosi si uniranno, con i quali condividiamo profondamente convincimenti di onestà, di coraggio, di irriducibile volontà di schierarsi a difesa di una categoria cui siamo ben consci di poter dare tanto, da oggi ancora di più, tutti insieme. Accolgo dunque con un abbraccio mio personale e con quello ‘ideale’ di tutti gli iscritti, gli amici che, ogni giorno più numerosi, stanno arrivando ad accrescere le nostre fila, a cominciare dal neo Vice Presidente Nazionale, Franco Maccari, e dal neo Segretario Nazionale, Giuseppe Brugnano”.
Con queste parole il Segretario Nazionale Generale dell’FPS Polizia di Stato, Valter Mazzetti, annuncia importanti novità all’interno dell’Organizzazione Sindacale in cui stanno facendo ingresso numerosi nuovi iscritti e dirigenti sindacali e che ha, inoltre, visto arricchirsi anche il proprio vertice con la nomina del veneto Franco Maccari a Vice Presidente Nazionale, e del calabrese Giuseppe Brugnano a Segretario Nazionale.
“Mi avvio su questo cammino comune con straripante entusiasmo – ha affermato per parte sua Maccari -, certo di muovermi su un terreno straordinariamente fecondo in cui mettere a dimora quei principi di lealtà e solidarietà che da 30 anni difendo con le unghie e con i denti, e che con le loro radici profonde stanno alla base di quella che, credo, sia l’unica azione sindacale che possa dirsi tale. Il mio primo pensiero è di gratitudine verso chi ha creduto in ciò che ho da dare, con una comunione di intenti che è la linfa vitale per quelle ‘radici’, e la forza stessa del Sindacato, perché pur se ruotando attorno all’idea del ‘singolo’, è il gruppo che spinge, è il gruppo che cammina, è il gruppo che taglia traguardi. Porto con me un bagaglio di esperienze di ogni genere, porto con me insegnamenti e lezioni che la vita sindacale e soprattutto i miei colleghi in tutta Italia mi hanno dato in tanti, tantissimi anni di passione. Porto con me l’amore per un mondo in cui credo e cui ho dato sempre tutto me stesso, stringendo nelle mani tutta l’umiltà che, ancora, mi fa bramare di ricevere nuove lezioni, nuovi insegnamenti, nuove esperienze dalle migliaia di Poliziotti appartenenti a questa grande famiglia che è l’FSP Polizia, per la quale continuerò a battermi con immutata e anzi rinnovata energia”.