Notte insonne a Catania, quattro scosse di terremoto con apice di magnitudo 4,8: interessate anche Messina, Siracusa ed Enna

Molta gente costretta ad evacuare le abitazioni

0
99

Avvertimenti tramite social nella notte hanno segnalato delle forti scosse di terremoto nei pressi di Santa Maria di Licodia, provincia di Catania. Una notte che ha costretto molti cittadini ad abbandonare le case, ma per fortuna non ci sarebbero dei danni strutturali e sopratutto vittime.

Si tratta di quattro scosse di terremoto avvenute intorno alle 2.34 e la più forte è stata di magnitudo 4,8, con alcuni danni dovuti al crollo di alcuni cornicioni rilevati nella chiesa di Santa Maria di Licodia e a Palazzo Ardizzone. Il sisma sarebbe stato percepito da tutta Catania e anche a Messina, Siracusa ed Enna.

La scossa sarebbe stata percepita da Messina a Ragusa, ed è stata preceduta da altre due scosse vicino a Bronte, la prima (magnitudo 2.2) alle ore 2.14, l’altra (magnitudo 2.0) alle 2.26. Poi alle ore 2.59 ancora una scossa nella zona di Biancavilla di magnitudo 2.5.

Città più vicine con almeno 50000 abitanti

Il terremoto è stato localizzato
26 Km a NW di Catania (314555 abitanti)
29 Km a W di Acireale (52622 abitanti)
70 Km a E di Caltanissetta (63360 abitanti)
75 Km a NW di Siracusa (122291 abitanti)
79 Km a N di Ragusa (73313 abitanti)
80 Km a NE di Vittoria (63339 abitanti)
81 Km a NE di Gela (75827 abitanti)
86 Km a N di Modica (54633 abitanti)
89 Km a SW di Reggio di Calabria (183035 abitanti)
89 Km a SW di Messina (238439 abitanti)