Campane Tibetane: esperimento interessante

0
251

Utilizzi per le campane tibetane
Le persone usano campane tibetane per molti scopi, tra cui riduzione dello stress e sollievo dal dolore. Alcune persone usano le campane in combinazione con altre pratiche, come la meditazione e la respirazione profonda.

Molti sostenitori affermano che le vibrazioni di una campana possono produrre cambiamenti benefici nel corpo riducendo lo stress, “armonizzando” le cellule e “equilibrando il sistema energetico del corpo”. Alcuni affermano anche che le campane tibetane possono stimolare il sistema immunitario e produrre cambiamenti benefici nelle onde cerebrali.

I benefici delle campane tibetane
Pochi studi scientifici hanno esaminato i potenziali benefici delle campane tibetane, nonostante la loro lunga storia di utilizzo.

Uno degli studi disponibili è un rapporto della rivista svizzera Research in Complementary Medicine. Nello lo studio, 54 persone con dolore cronico alla colonna vertebrale sono state assegnate a sei sessioni di terapia con campane tibetane, altre a un trattamento placebo e altre ancora a nessun trattamento.

I risultati dello studio hanno dimostrato che i membri del gruppo del gruppo campane e il gruppo placebo hanno sperimentato una significativa riduzione dell’intensità del dolore. Gli autori dello studio hanno anche scoperto che sia la terapia con la campana che la terapia con placebo hanno avuto un effetto di riduzione dello stress sui partecipanti.

Alla luce di questi risultati, gli autori dello studio hanno concluso che l’efficacia della terapia con la campane del canto non è stata confermata.

Uno studio preliminare pubblicato sull’American Journal of Health Promotion nel 2014 ha esaminato i benefici dell’inizio di una sessione di rilassamento diretto con 12 minuti di campane e ha riscontrato una maggiore riduzione della pressione sistolica e della frequenza cardiaca rispetto al silenzio, prima di una sessione di rilassamento diretto.

Come usare una campana tibetana

Per creare il suono con una campana, percuotere il batacchio sulla campana e poi premere con fermezza il batacchio e fare un movimento circolare contro bordo esterno della ciotola. Quando senti un tono chiaro e nitido, puoi rallentare il movimento. Usa il braccio per eseguire il movimento, piuttosto che ruotare il polso. Puoi anche fare lo stesso movimento circolare contro il ventre esterno della ciotola. Inoltre, puoi anche non colpire la ciotola prima di iniziare il movimento circolare.

Ricerche e studi
Articoli da Journal of Evidence-based Complementary & Alternative Medicine sono forniti qui per gentile concessione di SAGE Publications e Articoli da Journal of Evidence-based Complementary & Alternative Medicine e di SAGE Publications

Articoli da Journal of Evidence-based Complementary & Alternative Medicine sono forniti qui per gentile concessione di SAGE Publications e Articoli da Journal of Evidence-based Complementary & Alternative Medicine e di SAGE Publications

Estratto
L’umore negativo e l’ansia elevata sono collegati ad un aumento dell’incidenza della malattia. Questo studio ha esaminato gli effetti della meditazione del suono, in particolare la meditazione della campana tibetana, su umore, ansia, dolore e benessere spirituale. Hanno partecipato sessantadue donne e uomini (età media 49,7 anni). Rispetto alla pre-meditazione, i partecipanti alla pratica con campane tibetane hanno riportato significativamente meno tensione, rabbia, stanchezza e depressione (tutti Ps <.001). Inoltre, i partecipanti che erano precedentemente ingnari a questo tipo di meditazione hanno sperimentato una riduzione significativamente maggiore della tensione rispetto ai partecipanti con esperienza in questa meditazione (P <.001). Sensazione di benessere spirituale significativamente aumentata tra tutti i partecipanti (P <.001). La meditazione della campana tibetana può essere un intervento a basso costo praticabile, per ridurre tensione, ansia e depressione e aumentare il benessere psicofisico e spirituale. Questo tipo di meditazione può essere particolarmente utile nel ridurre la tensione negli individui che non hanno praticato in precedenza questa forma di meditazione.

Le malattie cardiache, il diabete, la dipendenza e i problemi di salute mentale sono stati tutti collegati a stress e tensione. La meditazione, compresi i sistemi come le meditazioni basate sulla consapevolezza, ha mostrato ottimi risultati nell’indurre la risposta di rilassamento e nell’alleviare l’ansia. Il rilassamento è la risposta fisiologica del corpo, compresa la pressione sanguigna che si abbassata contrastando la risposta di lotta o fuga e l’attivazione del sistema nervoso parasimpatico. Ma come promettenti la consapevolezza e altri sistemi di meditazione possano essere, una lamentela comune è il tempo, la pazienza e la disciplina necessari per imparare queste pratiche. Pertanto, una forma di rilassamento e di riduzione dello stress che non richiede una curva di apprendimento ripida o una grande quantità di disciplina da utilizzare potrebbe potenzialmente essere un enorme vantaggio per il benessere e la salute dell’uomo.

Gli autori hanno deciso di esaminare la possibilità che semplicemente sdraiarsi e ascoltare la combinazione ad alta intensità e bassa frequenza di campane tibetane, gong e campane in una meditazione del suono possa indurre una profonda risposta di rilassamento e influire positivamente sull’umore e sul senso di benessere. La guarigione del suono è stata usata per secoli ed è stata utilizzata in varie forme dalle culture di tutto il mondo, incluse le popolazioni native americane. Le tribù aborigene australiane hanno usato il didgeridoo come un valido strumento di guarigione per oltre 40 000 anni. Gli antichi strumenti sono stati usati anche per le cerimonie religiose e spirituali come anche le campane tibetane. di solito costituite da una combinazione di leghe metalliche, originariamente utilizzate dai monaci tibetani per le cerimonie spirituali.

Mentre la guarigione del suono, non è un concetto nuovo, vi è una scarsità di ricerche in aree come le campane tibetane o quelle in cristallo di quarzo. La maggior parte degli studi sulle campane tibetane si riferiscono alla fisica di questi strumenti musicali, incluse le proprietà soniche e delle onde, oltre a tentare di modellare le caratteristiche acustiche della campana. In uno studio, le campane tibetane erano usate per la guarigione emotiva. Le ciotole sono state usate in un modello di psicoterapia in combinazione con la respirazione profonda, la visualizzazione e una meditazione verso l’amorevolezza. Gli autori hanno riferito che questa combinazione di metodi di guarigione può essere un catalizzatore per la guarigione emotiva e psicologica nelle sessioni di counseling.

Lo scopo del presente studio era di avanzare ulteriormente le ricerche in questo settore esaminando i possibili effetti delle campane tibetane e la guarigione su umore, ansia, dolore fisico e l’aumento del benessere spirituale.

Metodologia
I partecipanti
Un campione di convenienza di 62 individui ha partecipato (fascia d’età, 21-77 anni, età media = 49,7 anni, DS = 13,0, 9 maschi e 53 femmine). Lo studio è stato condotto in 3 sedi: il Centro balneare per la vita spirituale di Encinitas, California (17 partecipanti), il Chopra Center for Wellbeing a Carlsbad, California (39 partecipanti) e l’Istituto California per la scienza umana (CIHS) di Encinitas, California (6 soggetti). Tutti i partecipanti hanno fornito il consenso informato scritto. Lo studio è stato approvato dalla University of California, San Diego Institutional Review Board (n. 160174)
Design
I partecipanti hanno completato questionari standardizzati prima e dopo la meditazione, compreso il Profilo degli stati d’animo (POMS-SF) per valutare tensione, rabbia e confusione, anche la scala dell’ansia e depressione dell’ospedale (HADS) per valutarne lo stato e la valutazione funzionale della terapia della malattia cronica – Scala di benessere spirituale (FACIT-SP) 20 per valutare il benessere spirituale.

Inoltre, prima della meditazione, i partecipanti hanno compilato un questionario demografico che includeva domande relative a qualsiasi precedente esperienza con la meditazione o le campane tibetane, l’uso di sostanze, i farmaci e gli integratori a base di erbe o medicinali. Inoltre, il modulo ha chiesto se stavano attualmente vivendo qualche dolore o disagio fisico. Se stavano provando dolore fisico, è stato chiesto loro il tipo di dolore e di valutare il dolore su una scala da 1 a 5.

Dopo la meditazione, i partecipanti hanno completato un questionario in 2 parti che chiedeva se si erano addormentati e se al momento stavano vivendo qualche dolore fisico. Se a quel punto stavano provando dolore, gli è stato nuovamente chiesto di valutare il livello del dolore su una scala da 1 a 5.

Sound Meditation Protocol (SMP)
I partecipanti sono stati istruiti a portare tappetini yoga su cui sdraiarsi e se lo desiderassero, un cuscino e / o una coperta. Ai partecipanti è stato chiesto di sdraiarsi in un semicerchio o in una configurazione a forma oblunga (a seconda delle dimensioni della stanza e del numero di partecipanti) intorno alla stanza, con le teste rivolte verso gli strumenti musicali, che sono stati posizionati sul pavimento vicino alle loro teste.

Gli strumenti musicali consistevano in ciotole tibetane, coppe di cristallo, gong, Ting-sha (piccoli piatti), dorges (campane), didgeridoo e altre piccole campane. La maggior parte delle campane tibetane (circa il 90%) consisteva in ciotole Jambati di dimensioni variabili da 23 a 30 centimetri e di peso variabile da 1,4 a 2,3 chilogrammi. Circa il 5% delle campane erano Thadobati piccole, di circa 11 centimetri di dimensioni e del peso di 200 grammi. Il restante 5% erano Jambati molto grandi, di dimensioni comprese tra 30 e 36 centimetri e di peso compreso tra 2,8 e 3,6 chilogrammiw.

Le campane erano lo strumento principale suonato durante le meditazioni, suonate per circa il 95% delle volte, mentre gli strumenti aggiuntivi venivano suonati per circa il 5% della sessione di meditazione. Il metodo principale per creare suoni e vibrazioni dalle campane era picchiettare o colpire le ciotole con il percussore, che veniva utilizzato circa il 95% delle volte.

 

Lascia un commento