Coronavirus, il primo italiano positivo: Muore anche il medico che ha dato il primo allarme

0
68

C’è un primo italiano positivo al coronavirus. E’ un uomo adulto rimpatriato da Wuhan che era in isolamento alla Cecchignola insieme agli altri 55 connazionali rientrati tre giorni fa. Dopo le analisi condotte sui tamponi è stato trasferito e messo in isolamento all’Istituto Spallanzani di Roma, dove sono ancora ricoverati in terapia intensiva i due turisti cinesi infettati. In serata l’Istituto superiore di sanità ha comunicato alla task force del ministero della Salute l’esito positivo del test di conferma. Il paziente per ora presenta “modesto rialzo termico ed iperemia congiuntivale“. L’Istituto sta coordinando l’organizzazione della sorveglianza epidemiologica. Nei casi di positività al primo test effettua le analisi di conferma comunicandole alla task-force del Ministero della Salute. “Con questa persona risultata positiva, un giovane tra i 30 e i 40 anni, abbiamo avuto pochi contatti in questi giorni”, raccontano gli italiani in quarantena alla Cecchignola. “Prima che fosse trasferito allo Spallanzani, lui si trovava in una stanza singola”.

Secondo gli ultimi dati globali sull’epidemia, sono ormai 565 i morti per il coronavirus – quasi tutti in Cina – mentre i contagi in tutto il mondo sono arrivati a 28.149 casi. Aumentano però anche le persone guarite, che sono più di mille. Intanto cresce l’attenzione sul caso della nave da crociera “Diamond Princess”, in quarantena al largo del Giappone dopo che sono stati accertati 20 casi di coronavirus: a bordo ci sono anche 35 italiani, Nessuno di loro, rassicura la Farnesina, è stato contagiato.

La morte del medico cinese è un caso: l’ospedale smentisce, poi conferma.Li Wenliang, il medico di Wuhan che aveva dato per primo l’allarme sulla diffusione del coronavirus, è morto dopo aver contratto la polmonite virale. Il 30 dicembre 2019 aveva lanciato l’allarme in una chat di colleghi laureati, mostrando le immagini dei polmoni colpiti dall’infezione. Per questo, il governo gli aveva consegnato un “avvertimento”, esortandolo a smettere di “procurare allarme” diffondendo notizie false. I fatti, però, avevano dato ragione al medico. L’oftalmologo aveva 34 anni e anche l’Oms aveva espresso il proprio dispiacere per la morte del medico. Tuttavial’ospedale in un primo momento ha smentito la notizia del decesso, parlando di “condizioni critiche”, secondo quanto riportato in un tweet dal Global Times. Lo stesso giornale in precedenza aveva dato notizia del decesso. Secondo il media cinese, il cuore dell’uomo ha smesso di battere alle 21:30 locali, e ora sarebbe attaccato alle macchine per la ventilazione extra-corporea. In serata, poi, la fine di ogni dubbio: sia l’ospedale che il Global Times hanno confermato la morte di Li Wenliang.

Verso il rientro del 17enne di Grado. Potrebbe partire già nel weekend lo studente 17enne di Grado bloccato lunedì a Wuhan. Ci sono ancora diverse opzioni alle quali si sta lavorando, a cominciare da quella di un passaggio a bordo di un aereo di un Paese europeo. Il ragazzo, risultato negativo al test del coronavirus, è sempre in albergo ed è “in buone condizioni di salute e di ottimo umore, data la situazione”. Un medico, nonostante gli sia passata la febbre, continua a seguirlo e l’ambasciata d’Italia a Pechino è in costante contatto con lui.

Spallanzani: “Coppia stabile, altri 4 sospetti”. Nell’ultimo bollettino medico, l’ospedale dice che le condizioni cliniche della coppia cinese ricoverata restano “invariate, con i parametri emodinamici stabili” e che la prognosi rimane riservata. Fino ad ora gli unici due casi di coronavirus in Italia. L’istituto romano specializzato in malattie infettive fa anche sapere che in totale nove pazienti sono ricoverati: oltre alla coppia cinese, ci sono altri 4 sono sottoposti al test per il coronavirus, in attesa di conoscere il risultato. Altri tre pazienti, invece, pur essendo risultate negative al coronavirus, rimangono comunque ricoverate “per altri motivi clinici”. In totale, dei 41 pazienti sottoposti al test per il virus, 32 sono risultati negativi e già dimessi. Non essendoci ancora cure efficaci riconosciute, l’ospedale sta trattando questa nuova polmonite virale con i farmaci indicati dall’Oms “come i più promettenti sulla base dei dati disponibili”. Lopinavir/ritonavir, un antivirale comunemente utilizzato per la infezione da HIV e il remdesivir, già utilizzato per combattere il virus Ebola.

La nave in Giappone: “Venti contagi a bordo, ma nessun italiano” – Raddoppiano le persone risultate positive al coronavirus sulla nave da crociera Diamond Princess della Carnival Japan: da 10 sono passati a 20 nel giro delle ultime ore. La nave si trova ora nella baia di Yokohama, in quarantena, dopo che alcune persone avevano sviluppato i sintomi dopo lo sbarco di un contagiato a Hong Kong: le autorità sanitarie nipponiche hanno sottoposto a test 273 dei circa 3.700 passeggeri, oltre all’equipaggio. A bordo ci sono anche 35 italiani, di cui 25 membri dell’equipaggio, incluso il comandante. Ma la Farnesina rassicura: “Tra i casi di coronavirus a bordo, al momento non risultano connazionali”. L’Unità di Crisi della Farnesina e l’ambasciata d’Italia a Tokyo, in stretto raccordo con le autorità locali, sono in costante contatto con gli italiani a bordo.

“Curva dell’emidemia in crescita”. Sale a 30 il numero dei casi di coronavirus confermati in Europa: In Gran Bretagna è stato confermato un terzo caso, che, come nei due precedenti non ha contratto l’infezione polmonare all’interno del Paese, ma all’estero. In Germania sono tredici i contagi accertati fino ad ora: l’ultimo, confermato oggi, è una donna bavarese di Traunstein. “Si registrano tre o quattro mila casi di contagio al giorno” ha detto il viceministro della Salute Sileri, che ha spiegato che “la curva dell’epidemia è ancora in crescita, perciò è difficile prevedere quanto durerà”.

Lagarde: “L’economia subirà uno shock, ma poi riparte” – “Il coronavirus è ovviamente motivo di preoccupazione” ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde. “Non abbiamo molti elementi oggi per misurare le conseguenze economiche” della diffusione perché “non si sa a quale velocità si potrebbe propagare o arrestare”, ha spiegato. Ma guardando al caso della Sars dieci anni fa, “ci si è resi conto che l’economia subisce uno shock, la crescita rallenta”, ma poi “riparte con forza”. L’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato un nuovo vertice sul coronavirus atteso tra l’11 e il 12 febbraio: i massimi esperti mondiali di coronavirus si incontreranno a Ginevra per fare il punto sullo stato dell’epidemia e condividere le rispettive conoscenze sul virus che ha ucciso oltre 550 persone. Sul tavolo, i possibili trattamenti e le prospettivi sui vaccini.

La Cina punta sui robot 5G – A Wuhan, città epicentro dell’epidemia di polmonite, sono stati introdotti dei robot negli ospedali: grazie alla connessione a una rete 5G si occuperanno di fornire indicazioni ai pazienti, di fornire i medicinali e di disinfettare i pavimenti delle aree in quarantena. Un automa sviluppato dalla China Mobile e dal costruttore di robot CloudMinds, dotato di uno schermo interattivo, è stato installato nell’atrio di un ospedale per offrire ai pazienti una guida alla diagnosi dell’infezione e per promuovere la diffusione delle conoscenze necessarie alla prevenzione dell’epidemia. La Cina cerca di sfruttare sempre di più i robot nella lotta contro l’epidemia, per ridurre i rischi di contaminazione per il personale sanitario e migliorare l’efficienza delle operazioni mediche. Ad esempio, il costruttore di automi Siasun sta sviluppando un robot in grado di sostituire i medici nel condurre i test orofaringei necessari all’identificazione dell’infezione.

Lascia un commento