I rischi per la salute del nostro personale militare

0
124
Corpo di Sanità e Veterinaria

Genova – Non e’  così comune, per la popolazione , considerare i vari rischi per la salute ai quali possono incorrere i nostri militari.

Generalmente si può solo provare preoccupazione quando devono partecipare ad azioni in territori non sicuri o con guerre in corso.

L’ Italia è l’ unico paese ad aver approfondito lo studio e le precauzioni per i militari considerando lo stress psicofisico il contatto con uranio o altri composti.

In realtà il  Personale militare è esposto a più sostanze ambientali cotaminanti, in grado di causare varie patologie.
Essi si ritrovano, ad esempio, nel vapore delcarburante, nei prodotti di combustione, in ionizzanti o radiazioni inquinati ambientali.

Spesso il personale Militare ha esposizioni a sostanze molto diverse da  quelle delle industrie che respira la maggior parte della popolazione.

I rischi sono variabili e vanno ricondotti ai tempi di effettiva esposizione presentati.

Sarebbe importante applicare un’osservazione costante di monitoraggio sulla persona , considerando i valori del sangue, urine, respiro, saliva.
Studiare i vari sintomi nella persona, valutando, le possibili patologie presenti in precedenza.

Esistono studi accurati che , minuziosamente, hanno analizzato le cause agenti su varie patologie, poiché il Corpo Militare subisce esposizioni a più diversi inquinanti ambientali.

Negli ultimi dieci anni ,seri studi hanno valutato le esposizioni , controllando valori dei biomarcatori nel monitoraggio ambientale e biologico con riferimenti a dati epidemiologici e esposizione personale.

Ci sono, a volte, discordanze nei risultati per mancanza di dati reali:esempio per i dati riguardanti i veterani esposti allo zolfo,alle radiazioni ionizzanti , all’uranio.

Nonche’ al carburante dei jet.
Anche i risultati dei biomarcatori non sempre sono esatti, poiché ottenuti da inquinanti nel presente.
Principalmente sarebbe stata considerevole l’analisi di causa-effetto studiando il risultato dell’i terazione tra inquinanti ed esordio delle patologie.

Gli studi dei Prof. Bolognesi, Lemaster e Poirier hanno approfondito la realtà del danno al DNA e suoi correlati.
Criticamente si osserva la mancanza di possibili confronti tra i diversi gruppi di militari, arrivando a sottovalutare l’attuale numero degli esposti.
È auspicabile un incisivo controllo sullo stato di salute dei militari nelle varie esposizioni come:per l’ effetto dei fumi di olio,possibile causa di cancro al  polmone o l’ esposizione agli erbicidi, come avvenuto per i soldati impegnati in guerra in Vietnam.

Nella mancanza di grandi confronti dei dati vi sono dubbi su effetti verificatisi, ad esempio, per  981 militari schierati in Iraq nel 2004-2005.

Gli effetti avversi di generici inquinanti ambientali si rilevano principalmete  su persone fragili e vulnerabili.
Mentre qualche volta può accadere si verifichi un adattamento dell’organismo alla sfida inquinante.

Si può concludere affermando che i Militari sono esposti a qualità diverse di inquinanti potenziale causa di patologie.
Ciò  dovrebbe indurre all’aumento di controlli e confronti atti alla prevenzione, di basilare importanza, integrando ricerche di epidemiologia e biomarcatori.

Consulenza Prof Alberto Izzotti prof  Dipartimento medicina e Igiene Policlinico  s.  Martino Genova

Luisa Costa

Articolo precedenteIl sistema chirurgico Symani® di Medical Microinstruments esegue un trasferimento linfonodale e un’anastomosi linfo-venosa presso il rinomato Ospedale universitario di Zurigo
Prossimo articoloRiassunto: mLogica acquisisce l’innovativa azienda specializzata nella modernizzazione di sistemi legacy Reverse Paradigm sulla scia della recente acquisizione della suite software LIBER da Atos

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here