L’Autunno a Merano tra colori e tradizioni

Folliage, Törggelen, Festa dell’Uva e Merano Wine Festival: quattro buone ragioni per visitare la piccola città altoatesina

0
184

Da inizio ottobre cambiano i colori intorno a Merano, riprendono le antiche tradizioni e sono confermati due tra i principali eventi di stagione: La Festa dell’Uva (16-17 ottobre) e il Merano Wine Festival (05-09 novembre).

Le tradizioni a Merano saranno tra poco ricordate, come ogni anno, dall’usanza del Törggelen, ovvero, l’“andar per locande”, espressione tipica della cultura altoatesina che unisce il sapore delle caldarroste e del vino nuovo – ma anche delle specialità più tipiche della cucina sudtirolese – con gite fuori porta, in famiglia o tra amici ma sempre in compagnia.

Da inizio ottobre cambiano i colori intorno a Merano, riprendono le antiche tradizioni e sono confermati due tra i principali eventi di stagione: La Festa dell’Uva (16-17 ottobre) e il Merano Wine Festival (05-09 novembre).

Le tradizioni a Merano saranno tra poco ricordate, come ogni anno, dall’usanza del Törggelen, ovvero, l’“andar per locande”, espressione tipica della cultura altoatesina che unisce il sapore delle caldarroste e del vino nuovo – ma anche delle specialità più tipiche della cucina sudtirolese – con gite fuori porta, in famiglia o tra amici ma sempre in compagnia.

E’ un momento che inizia a ottobre e si conclude verso fine novembre, quando i contadini aprono le porte dei propri masi e accolgo persone per un pranzo o una cena.
Il tutto avviene nel momento in cui la natura si concede agli occhi in tutto il suo splendore, con le tante sfumature pastello del giallo e del rosso, che riempiono di emozioni chi passeggia tra boschi, tra i vigneti e tra i meleti, mentre avviene il cosiddetto folliage, la caduta delle foglie, che creano un tappeto variopinto su cui camminare lungo i sentieri.

Gli eventi principali, invece, sono dedicati al “ringraziamento”, i momenti di fine raccolta, in cui si celebra la stagione conclusa.
Si inizia con la Festa dell’Uva, il terzo fine settimana di ottobre (16-17 ottobre 2021), appuntamento, dal 1886, più di ogni altro radicato alla storia di questo territorio: tre giorni di musica popolare, gastronomia autunnale e convivialità.
Gustose specialità altoatesine, buon vino e tanta musica tipica (in parte anche con interpretazioni “sperimentali”): saranno questi i tratti distintivi della kermesse.
I carri allegorici più belli saranno esposti nei punti più importanti della città, per poter essere ammirati in tutta la loro fantasia e creatività.
I concerti delle bande altoatesine si svolgeranno presso la terrazza del Kurhaus: Sabato sera, la banda di ottoni più famosa al mondo – la Black Dyke Band, si esibirà per la gioia di tutti i presenti.
Domenica alcuni cori altoatesini canteranno in quattro piazze diversi della città e alla “Giornata delle erbe aromatiche Alto Adige”, in Piazza delle Terme, i produttori locali presenteranno una grande varietà di erbe e spezie.

Merano WineFestival (05/09 novembre 2021) è, invece, il consueto viaggio straordinario alla scoperta di quanto offra la vitivinicoltura italiana e mondiale, accanto ad assaggi della migliore gastronomia.
Merano WineFestival è il primo evento organizzato in Europa che, dal 1992, punta sulla qualità selezionata in un ambiente elegante. È stato il primo evento a realizzare un percorso sensoriale con un unico calice di vino e il primo in assoluto denominato WineFestival.
Un incontro dell’eccellenza enogastronomica, un vero e proprio “think tank”, un luogo in cui scambiare opinioni tra produttori, opinion leader, professionisti del settore e consumatori.
Merano WineFestival si volge presso il Kurhaus, edificio storico di Merano che si affaccia sulla famosa Passeggiata Lungo Passirio, e in altre locations come l’Hotel Terme o il Teatro Puccini.
La GourmetArena è la sezione dedicata a Food, Spirits, Beer premiati The WineHunter Award.
Il Merano WineFestival ha, inoltre, dedicato una sezione anche al settore più in crescita negli ultimi anni, quello dei vini biologici, biodinamici, naturali, “orange” e PIWI, vitigni resistenti alle malattie, ossia Naturae et Purae bio&dynamica.
Le Masterclasses sono sezioni dedicate a una varietà di degustazioni guidate di eccellenze enologiche nazionali e internazionali, con lo scopo di creare cultura e sapere.

Per festeggiare la chiusura del Merano WineFestival, come ogni anno, Catwalk Champagne, la selezione di alcune tra le più famose aziende, in abbinamento ad alcune selezionatissime eccellenze culinarie.

Articolo precedenteCovid 19, pediatri e ginecologi: “Subito il vaccino a donne incinte e bimbi”
Prossimo articoloLo dicono i nutrizionisti: questi alimenti attivano la perdita di peso

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here