Presentazione “Viaggio nella storia

0
221

Un percorso che attraversa il versante meridionale della provincia di Matera fino alla costa ionica e da qui, dopo una tappa al sito archeologico delle Tavole Palatine (resti del tempio di Hera) a Metaponto (Bernalda), percorre tutta la Costa dei Tre Miti da Rocca Imperiale fino a Corigliano Rossano coinvolgendo ben 19 comuni dell’Alto Jonio Cosentino: Albidona, Alessandria del Carretto, Amendolara, Canna, Cassano all’Ionio, Castroregio, Civita, Cerchiara di Calabria, Corigliano Rossano, Francavilla Marittima, Montegiordano, Nocara, Oriolo, Plataci, Rocca Imperiale, Roseto Capo Spulico, San Lorenzo Bellizzi, Trebisacce, Villapiana.

L’itinerario è frutto del lavoro svolto nell’ambito del progetto “Sibari e la Costa dei Tre Miti. Italo Ulisse e Federico.” con capofila il Comune di Trebisacce. Un progetto finalizzato a creare una destinazione turistica che promuova itinerari caratterizzati dal tema dell’accessibilità culturale e religiosa e programmati anche in relazione a Matera come grande attrattore turistico (Capitale Europea della Cultura 2019).
Questo itinerario rappresenta, inoltre, un punto di partenza per la nascita di un progetto di collaborazione fattivo e concreto, finalizzato alla creazione di un laboratorio di confronto e scambio delle conoscenze per lo sviluppo condiviso dell’attrattività turistica e culturale tra i territori delle due regioni Basilicata e Calabria. Un percorso che prossimamente potrà coinvolgere l’intera area della Magna Grecia che si affaccia sul Golfo di Taranto e quindi anche i territori del versante pugliese.
Inoltre, nell’incontro del 10 giugno, sarà presentata la Carta di Matera-Trebisacce che nasce con l’intento di sensibilizzare e promuovere l’accessibilità universale come approccio metodologico finalizzato a costruire un’esperienza turistica accessibile, condivisa, inclusiva e felice.
La Carta rappresenta un documento di indirizzo sul tema dell’accessibilità. Essa identifica una serie di punti in grado di dare vita ad un approccio metodologico che favorisca in modo concreto, efficace e condiviso l’avvio di una programmazione a breve, medio e lungo termine per quanto riguarda l’accessibilità turistica e culturale di grandi e piccole comunità.

Articolo precedenteAuto, addio a diesel e benzina dal 2035: le conseguenze della transizione ecologica
Prossimo articoloIl sole: amico o nemico? Iniziativa del Rotary Club Cosenza

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here