Concluso il Workshop IEEE International Workshop

0
195

Si è conclusa la prima edizione dell’ “IEEE International Workshop on Metrology for Living Environment”, organizzato dal Prof. Francesco Lamonaca, professore associato di misure elettriche ed elettroniche del Dipartimento di Ingegneria Informatica, Modellistica, Elettronica e Sistemistica dell’Università della Calabria. Sono stati presentati al workshop ben 59 lavori scientifici, selezionati su circa 80 pervenuti, redatti da oltre 230 autori provenienti da 16 paesi di tutto il mondo. Il workshop ha registrato una grande partecipazione in presenza ed ha messo in evidenza non solo il contributo scientifico dell’Università della Calabria nel settore delle misure per l’ambiente costruito, ma anche le eccellenze calabre ad un più ampio respiro.
Grande la soddisfazione dei partecipanti, che hanno avuto la possibilità di conoscersi, confrontarsi, apportare contributi su tematiche eterogenee ma tutte legate dal comun denominatore delle misure, strumento principe per garantire la sicurezza, il benessere, la salubrità e il comfort dell’ambiente costruito nel rispetto del contesto naturale in cui è immerso.
Tra gli argomenti trattati, le misure per la diagnostica degli edifici durante e dopo la costruzione, sistemi di monitoraggio basati su Internet of Things (IoT) e intelligenza artificiale, sistemi di misura per i BIM and digital twins, qualità dell’ambiente indoor e comfort, smart buildings, valutazione delle prestazioni energetiche, modelli di incertezza per le decisioni.
Nell’ultimo giorno del Workshop sono stati assegnati i seguenti premi.
Best Conference Paper Award dedicato alla memoria del Prof. Domenico Grimaldi, professore di Misure Elettriche ed Elettroniche dell’Università della Calabria, la cui passione, entusiasmo e impegno per la scienza sono e saranno di ispirazione per tutti i docenti e i ricercatori impegnati nel settore delle Misure. Il premio è stato assegnato ai proff Mathieu Bourdeau, Elyes Nefzaoui, Philippe Basset, Julien Waeytens, Amine Bouzidi, dell’Università Gustave Eiffel, Francia per il lavoro “Measurements and Characterization of Energy Related Behaviors and Indoor Environment Quality in Residential Buildings Using a Wireless Sensor Network”. Il premio è stato supportato da ALMA s.r.l. (Gruppo ACCA), una delle eccellenze calabre per lo sviluppo di software a supporto della progettazione degli ambienti costruiti.
Best Conference Paper Award – 2nd Place assegnato ai proff, Giovanni Barone, Annamaria Buonomano, Gianluca Del Papa, Cesare Forzano, Giovanni Francesco Giuzio, Adolfo Palombo, Giuseppe Russo, Università degli studi di Napoli Federico II, Italia e ai proff. Ilaria Pigliautile, Anna Laura Pisello, Università degli Studi di Perugia, Italia, per il lavoro dal titolo “Modelling the thermal response of the human body for thermal comfort assessment in indoor spaces: an experimental validation”. Il premio è stato supportato dalla rivista internazionale MDPI Buildings.
Best Conference Paper Award – 3rd Place assegnato ai dott. Massimo Bonfatti, Marcello Lombardini, Carmine Castaldo, Fabio Mazzarella, Marcello Marzoli, Ministero degli Interni, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Italia, per il lavoro dal titolo “Use of laser scanner and total station systems in fire resistance test of a closing element”. Il premio è stato supportato dalla rivista internazionale MDPI Buildings.
Best Standardization Paper assegnato ai dott. Sara Adda, Mattia Vaccarono ARPA Piemonte, Italia, Tommaso Aureli, Stefano Coltellacci, Daniele Franci, Enrico Grillo, Settimio Pavoncello ARPA Lazio, Italia, Stefano D’Elia, Riccardo Suman, Vodafone Italia, prof. Nicola Pasquino, Università di Napoli Federico II, Italia, per il lavoro intitolato “How to Characterize Power Lock Systems for Limiting Exposure to Electromagnetic Radiation Generated by 5G MaMIMO Systems”. Il premio è stato supportato dalla Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI).
Best Paper Presented by a Woman assegnato ai proff. Sonia Álvarez-Díaz, Javier Román-Cembranos CARTIF Technology Centre, Spain e ai proff. Agnieszka Łukaszewska, Pre Fasada, Poland, Piotr Dymarski, Mostostal Warszawa S.A., Poland, per il lavoro intitolato “3D modelling of existing asset based on point clouds: A comparison of Scan2BIM approaches”. Il premio è stato supportato dall’IEEE Woman in Engineering Affinity Group – Italy section e Gibertini srl.
Best Paper Presented by a Young Researcher assegnato ai dott. Giulio Scaravaglione, Stefano Marino, Leonardo Damiani Politecnico di Bari, Italia, Antonio Francone, Giuseppe Roberto Tomasicchio, Alessandra Saponieri, Università del Salento, Italia, per il lavoro intitolato “Experimental Study on Pore Pressure Attenuation in Rubble Mound Breakwater in Depth-Limited Water Conditions”. Il premio è stato supportato dalla rivista internazionale MDPI Sensors.
Il Workshop, è stato realizzato grazie al supporto dell’Università della Calabria e del Dipartimento di Ingegneria Informatica, Modellistica, Elettronica e Sistemistica e il patrocinio della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, del Comune di Rende e del Comune di Cosenza e dell’Ordine degli Ingegneri di Cosenza oltre che da numerosi enti, agenzie e istituti di ricerca nazionali e internazionali tra cui l’associazione IEEE, la più importante organizzazione mondiale nel settore elettrico ed elettronico con più di 310.000 soci in 150 nazioni fra ingegneri, scienziati e matematici, ed ha previsto il riconoscimento di crediti formativi, fino a 14 CFU, agli ingegneri iscritti all’Ordine che hanno seguito i lavori.

Articolo precedenteA TORINO E IN PIEMONTE TORNANO LE SETTIMANE DELLA SCIENZA
Prossimo articoloData intelligence, ovvero come trarre il massimo valore dai dati

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here