De Pierro interviene su caso malasanità Giulia Montera in Calabria

0
376

Calabria – L’appello accorato di una madre diventa tragica denuncia della condizione sanitaria calabrese. La vicenda della piccola Giulia Montera è emblematica e racconta, nella sua drammaticità, un mondo fatto di ‘ viaggi della speranza’, diagnosi sbagliate e mancata assistenza ai cittadini bisognosi di cure.

In base a quanto riferito dalla famiglia, l’odissea della bimba sarebbe iniziata a pochi giorni dalla nascita il 30 marzo 2010, nonostante l’evidente e grave stato di malessere in cui versava, i medici dell’ospedale di Corigliano Calabro non considerarono opportuno un ricovero per la neonata ma pochi giorni dopo fu lo stesso primario della struttura, a suggerire l’urgenza e la necessità di condurre Giulia Montera al Bambino Gesù di Roma, centro specializzato. Alla piccola, arrivata presso il nosocomio romano in codice rosso e ricoverata in terapia intensiva neonatale, vennero diagnosticate numerose patologie e solo dopo 20 giorni di cure le venne data possibilità di rientrare in Calabria pur dovendo tornare nella Capitale per altri controlli. Il 2 giugno dello stesso anno, sempre in base ai fatti denunciati, un altro errore di valutazione sarebbe potuto costare caro alla bambina, alcuni medici di turno a Corigliano infatti le diagnosticarono come “aria nello stomaco” quello che poi si rivelerà un sintomo così grave da costringerla prima al ricovero per 5 giorni presso l’ospedale di Cosenza e successivamente, per iniziativa della famiglia, al Bambino Gesù di Roma dove il responso dei medici di neurochirurgia fu terribilmente più pesante : “malformazione cerebrale e ritardo neuromotorio”.

Netto il commento di Antonello De Pierro, presidente dell’Italia dei Diriti : “Il caso di Giulia Montera è purtroppo solo uno dei tanti eventi legati alla malasanità in Calabria sul quale, solo grazie all’encomiabile impegno dei suoi genitori, viene costantemente posta l’attenzione dell’opinione pubblica. Pensando all’Art. 32 della Carta Costituzionale, al quale noi dell’Italia dei Diritti facciamo sempre riferimento in situazioni del genere, è davvero sconcertante dover registrare oggi, soprattutto nel Meridione e nello specifico in Calabria, situazioni paradossali come questa. Quello Stato che dovrebbe tutelare il diritto alla salute dei cittadini in quella regione, che tra l’altro è nota per esportare eccellenze tecnico-scientifiche in tutto il mondo, spesso risulta carente. La cosa però che tengo a precisare – prosegue De Pierro – , è che spesso si punta il dito contro l’operato di un medico, di un’equipe o di chi materialmente si trova in prima linea ma anche se non possiamo non considerare in tali casi la negligenza del singolo, spesso il tutto è frutto di una gestione vergognosa dell’intero apparato strutturale. E mi riferisco alla politica, che purtroppo amministra il settore speculando a proprio uso e consumo, gestendo sempre il tutto funzionalmente alle esigenze partitiche e clientelari piuttosto che rispetto al benessere dei cittadini. Quella lottizzazione che i partiti esercitano su tutto il territorio nazionale, in quella martoriata regione, raggiunge livelli esponenziali, se pensiamo alle collusioni affaristiche e non ultime certo le infiltrazioni delle cosche locali della ‘n’drangheta’ che non si fanno certo sfuggire l’occasione di allungare le mani per arraffare consistenti fette di una ricca torta”.

Articolo precedenteNovi Ligure, Animal’s Angels Party: beneficenza con esposizione canina e festa degli animali per cani e gatti senza famiglia
Prossimo articoloL’Italia dei Diritti denuncia mala gestione Ama su raccolta rifiuti nel Centro Storico

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here