Corri

0
255

All’uscita di un raduno democratico, in una Boston paralizzata dalla neve, l’ex sindaco Bernard Doyle discute con i figli adottivi Teddy e Tip, nella vana speranza che almeno uno dei due voglia continuare la sua carriera politica: ma basta un istante di distrazione e il casuale passaggio di una donna nera e della sua splendida bambina a cambiare sette vite per sempre. Concentrato come una tragedia classica nell’arco di ventiquattr’ore, “Corri” mette in scena un dramma eterno – quello di esistenze separate da decenni di segreti che tornano d’un tratto vicine – in un contesto modernissimo, di lealtà profonde che non coincidono con le attese sociali, le parentele di sangue, i legami anagrafici. Un libro che riguarda le poche cose veramente importanti per ciascuno di noi: l’essere genitori, figli, compagni; la continua ricerca della nostra reale vocazione, del nostro vero significato nel mondo; la nostra radicata e inevitabile speranza in una società più giusta.

Corri“,  di Ann Patchett (Ed. Ponte alle Grazie, trad. di Silvia Piraccini, pp. 288, euro 15,00).

Condividi
Articolo precedenteIl decimo dono
Prossimo articoloSenza parole

Lascia un commento