Francavilla al Mare, al via la rassegna “Un sogno in riva all’Adriatico”

1
221

Sabato 25 luglio alle ore 19.0 presso Palazzo San Domenico, Museo Michetti a Francavilla al Mare, sarà inaugurato il 60° Premio Michetti, rassegna storica dei premiati dal 1947 al 2008 dal titolo “UN SOGNO IN RIVA ALL’ADRIATICO”, in occasione dell’anniversario degli 80 anni dalla morte di Francesco Paolo Michetti.

“Una festa per le sessanta edizioni del Premio Michetti, in Palazzo San Domenico, sede del Museo Permanente d’arte contemporanea e moderna della Fondazione. Un compleanno – dice il Presidente della Fondazione Michetti – per noi straordinario in una fase molto difficile della storia abruzzese. Il nostro primo pensiero non può non andare a tutti gli amici aquilani e, in particolare, agli artisti, molti dei quali hanno arricchito con la loro partecipazione indimenticate edizioni del Premio.”

“La Fondazione – prosegue Centorame – da anni esporta cultura partendo dall’Abruzzo; dopo le 50 edizioni del 1998, e l’omaggio a Michetti celebrato nel 1999 a Palazzo Venezia a Roma, con una grande mostra dedicata proprio al Maestro ed il grande successo di due anni fa a Milano, con la rassegna sul nuovo realismo italiano realizzato in collaborazione con il Comune di Milano presso il Pac (Padiglione di arte contemporanea) l’Istituzione si appresta a replicare nella capitale una nuova grande iniziativa.”

“Oggi sembra di essere tornati al clima delle primissime edizioni del Premio Michetti, con una gran parte della Regione, soprattutto nella fascia costiera, da ricostruire dopo le terribili rovine della seconda guerra mondiale. In una situazione drammatica il Premio Michetti, – continua Centorame – pensato nel 1946, fu immediatamente realizzato l’anno successivo, nel 1947, tendendo una mano agli artisti italiani che si trovavano in una situazione di precarietà e di smarrimento. Fu subito una grande rassegna, per quantità degli espositori e, soprattutto, per la qualità dei partecipanti. Da quei giorni ad oggi, oltre settemila artisti hanno esposto e lavorato per il Premio Michetti, certi di trovare un riconoscimento e, per i più giovani, una occasione di lancio nel panorama nazionale.”

Cristiano Tassinari Premio Michetti 2007“La collezione della Fondazione Michetti, – aggiunge Centorame – quasi tutte opere di proprietà più alcune opere degli enti soci concesse in comodato, rappresenta uno spaccato, filologicamente esemplare, delle migliori espressioni dell’arte italiana (con molti esempi di carattere internazionale) degli ultimi sessant’anni. L’elenco dei nomi degli artisti dell’esposizione è di una solare eloquenza sui livelli delle varie edizioni del premio, sulla sua rappresentatività, sul rigore che contraddistingue dal 1947 questa manifestazione che periodicamente cambia il suo vertice ma che ha sempre saputo assicurare una grande continuità nel rigore. Il 2009 è anche un anno di grandi difficoltà –non solo finanziarie- per il Premio Michetti e soprattutto per il suo Museo. Solo la dedizione dei collaboratori ed il sostegno di pochi ma veri e disinteressati amici ha reso possibile la realizzazione di una delle edizioni più rappresentative. Ci riferiamo, nel campo dell’arte, a Beatrice Buscaroli, la curatrice del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia, alla Sovrintendente Anna Imponente e ad altri amici come i critici Carlo Fabrizio Carli e Duccio Trombadori.”

“Dalla selezione dei documenti esposti, tratti dal grande e ricco archivio della Fondazione, – conclude il Presidente Vincenzo Centorame – sarà forse facile capire come la più antica rassegna d’arte annuale italiana sia stata importante fin dai suoi primi passi e trarne un motivo d’orgoglio per tutti gli abruzzesi.
In questi ultimi anni il patrimonio della Fondazione si è notevolmente arricchito di opere di grande qualità. Sono state recuperati lavori di artisti premiati in anni lontani ed ampliato il panorama anche grazie ad alcune donazioni. Gli abruzzesi e tutti i cultori dell’arte dispongono di una collezione di gran lunga più preziosa dell’insieme dei contributi pubblici e privati ottenuti ed il suo valore cresce di anno in anno. Gli abruzzesi possono essere orgogliosi di un primato di rigore, di passione disinteressata, di buona amministrazione che sono la condizione delle iniziative che attraversano il tempo e superano anche le tempeste più gravi.”

Elenco degli artisti in mostra

Alastra, Almagno, Amodei, Andrullo,Angeli, Angeli, Angelozzi, Arlini, Armonia, Arri, Aute, Aymone, Bacci, Baldacci, Banovich, Barclay, Baruffaldi, Baumgartner, Bellandi, Bellei, Bendini, Berrettini, Biasi A., Biasi G., Bloom, Bonfanti, Borra, Bottarelli, Bovani, Busanel, Caccioni, Cagnone, Cantafora, Cantatore, Capocchini, Carmassi, Carnemolla, Carrino, Cascella M., Casorati Pavarolo, Celiberti, Ceroli, Cervellati, Cesetti, Chiancone, Chiti, Ciardo,Ciarli, Cingolani, Ciuha, Collalto, Colucci, Conenna, Cuoghi e Corsello, D’Aloisio, D’Alonzo, D’Amato, D’Amico Flugi, D’Angelo, Davico, Davoli, De Bernardi, De Fiore, De Grandis, De La Pisa, De Robertis, De Stefano, Del Greco A., Del Greco L.,Del Vecchio, Della Zorza, Demetz, Devalle, Di Blasio, Di Donato, Di Fabrizio, Di Luciano, Di Ruggero, Di Stasio, Di Terlizzi, Di Tizio, Didou, Dorazio, d’Urach, Dynys, Equipo Realidad, Febo, Ferrari, Ferroni, Fidelibus, Fieschi, Fiorentino, Fonticoli, Francalancia, Freiwald, Funi, Galante, Gallina, Gallizioli, Gandini, Gaspari, Giangiulio, Giovannoni, Guarneri, Guerricchio, Guida, Hai Bo, Iacovetti, Izzi, Jemec, Kane, Kokocinsky A.,Kokocinsky M., La Regina, Lai, Lampo, Leonelli, Licata, Longo, Lorenzetti, Luise, Mancini, Manfredini, Marangoni, Marcantonio C., Marcantonio L., Marcucci, Mari, Marotta, Marra, Marrocco,Maschietto, Matino, Mattii, Memmo, Milesi, Monachesi, Montarsolo, Morandis, Moreni, Mori, Moroni, Notari, Oan Kyu, Olivieri, Padovese, Palladino, Pallozzi, Palmili, Pantieri, Partengo, Paulucci, Pera, Perez, Pericoli, Pessoli, Petrocelli, Picco, Picini, Pigato, Pirandello, Pone, Pozzati, Prampolini, Radicioni, Ramella, Rinaldi, Roma, Romiti, Rossi, Rossini, Ruggiero, Russi, Saetti, Salvadori, Sambenedetto, Samorì, Santoro, Saroni, Schiavinato, Scocco, Seguì, Sgambati, Sguanci, Siciliano, Sotili, Spinosa, Spreafico, Strazza, Sulay, Summa, Sughi, Tassinari, Theimer, Tirelli, Titonel, Tomea,Toto, Trombadori, Uboldi, Vago, Valentini, Ventrone, Verna, Vitali, Viviani, von den Steinen, Yaria, Zaimovich, Zanazzo, Zotti, Zuccarini.

Il catalogo generale completo di tutte le presenze , oltre settemila, degli artisti al premio, è in fase di preparazione e sarà edito da Vallecchi di Firenze.