Le fotografie di Pasquale e Riccardo De Antonis. Personale di Mariano Moroni

0
340

Vernissage alle ore 20 di domenica prossima, 9 agosto, nelle eleganti sale dell’Ex Aurum di Pescara per le mostre d’arte e fotografia di Pasquale e Riccardo De Antonis e Mariano Moroni.

a2Le iniziative, promosse dall’assessore alla cultura del comune, Elena Seller,e dall’associazione La Piena, godono anche del patrocinio della Regione Abruzzo e della Provincia di Pescara.
Le due rassegne, frutto di idee di Vincenzo Centorame, propongono una straordinaria rassegna fotografica di Pasquale e Riccardo De Antonis (duecento fotografie originali, alcune degli anni trenta e ritoccate a mano)ed una grande personale di Mariano Moroni dal titolo “Lo spettacolo delle cose”.

Pasquale De Antonis, del quale lo scorso anno si è celebrato il centenario della nascita con una rassegna storica presso l’Istituto Nazionale di Grafica dedicato alla moda, è stato un protagonista tra i più importanti per la nascita della etnofotografia. Amico personale di Ennio Flaiano, Tommaso Cascella e Luchino Visconti ha avuto a Pescara il suo battesimo di importante fotografo per poi aprire, nel secondo dopoguerra, il suo famoso studio a Piazza di Spagna, dopo sono passati i personaggi più importanti del cinema e della cultura, non solo italiani.

Riccardo De Antonis Prosegue sulle orme del padre e propone alcuni dei suoi più importanti reportage fotografici realizzati in varie parte del mondo, dall’Afghanistan al Nepal, oltre a famose immagini dedicate al teatro internazionale.

Mariano Moroni è una delle personalità più interessanti dell’arte italiana contemporanea. Dopo avere esposto nelle rassegne italiane più importanti ed in alcune importanti iniziative europee, ha suscitato un grande interesse in occasione della mostra milanese del 2007, voluta dall’assessorato alla cultura, presso il Pac (Padiglione d’Arte Contemporanea). Moroni è anche una firma importante dell’industrial design, come è facile rilevare anche dai marchi che ne sostengono l’attività artistica.
L’artista propone anche la sua opera più recente, una grande tela di nove metri dedicata alla tragedia dell’Aquila.

Le mostre resteranno aperte al pubblico fino al 7 settembre con i seguenti orari per i visitatori: da martedì a sabato 10,30/ 13,30 e dalle 17,30 alle 22,30.
Domenica apertura dalle 17,30 alle 21,30.
Chiuso il lunedì.

Lascia un commento