Premio Letterario Elsa Morante Cinema premierà Giuseppe Tornatore, per il film “Baaria” e Lina Sastri come miglior attrice

0
512

La giuria del Premio Letterario Elsa Morante, presieduta da Dacia Maraini e composta da Andrea Camilleri, Chiara Gamberale, Enzo Colimoro, Maurizio Costanzo, Francesco Cevasco, Emanuele Trevi, Teresa Triscari e Tjuna Notarbartolo (direttore della manifestazione), quest’anno, per la sezione Cinema, premierà Giuseppe Tornatore, per il film “Baaria” e Lina Sastri come miglior attrice.

Per promuovere lo scambio tra le culture dei due paesi, viene insignito del Morante Cinema anche un grande regista del paese ospite, quest’anno Dušan Hanák e, sempre nell’ottica della promozione della letteratura italiana nel mondo, viene premiato il lavoro di traduzione dall’italiano alla lingua straniera, premio che va a Mirka Vallová.

La consegna dei riconoscimenti avverrà all’interno dell’Istituto Italiano di Cultura di Bratislava (Slovacchia) diretto da Teresa Triscari, l’8 e 9 giugno. La due giorni, un evento di particolare appeal per amanti e studiosi della cultura italiana, si articolerà nella proiezione e discussione intorno al film, nell’incontro-conferenza sul rapporto cinema-letteratura, nel dibattito-premiazione.

L’originalità del Morante Cinema, rispetto ad altri premi dello stesso genere, sta nel premiare un film (di volta in volta il produttore, il regista, gli attori), dalla spiccata matrice letteraria (negli schemi narrativi, nelle scelte dei dialoghi, nell’intensità della sceneggiatura).

La sezione del Premio ventennale, è stata inaugurata solo l’anno scorso presso il Ministero della Cultura della capitale slovacca dove furono premiati Marco Risi e lo sceneggiatore Andrea Purgatori, per il film Fortapasc, il regista slovacco Jurai Jakubisko ed il traduttore Frantisek Hruska.

La manifestazione vede coinvolti, come nelle altre iniziative dell’Associazione Culturale Premio Elsa Morante, istituzioni, enti pubblici e privati e mass-media, che seguono con attenzione il Premio Elsa Morante arrivando a farne, come certificato dell’agenzia milanese Eco della Stampa, la manifestazione culturale campana che ha il più ampio riscontro di stampa.

Lascia un commento