Terre Sommerse al Circolo degli Artisti

0
195

La casa editrice Terre Sommerse proietta, il 27, 28 e 29 Luglio alle ore 21:30 presso il Circolo degli Artisti in via Casilina Vecchia 42, Jennifer Matthews. Live in Italy, concerto rock della cantante registrato a Roma nel 2008, Salaam, documentario di Adel Bakri e Stefano Grossi sul poeta Abdel Jabbar, in cima alla classifica degli scrittori tunisini e La particella di Dio, saggio scientifico, realizzato da Logo Video, che spiega la rivoluzionaria teoria di Massimo Corbucci sull’origine della materia.

Le tre pellicole, fortemente differenti tra loro, trovano lo spazio di congiunzione in Terre Sommerse dove musica, poesia e scienza si incontrano attraverso la produzione che, oltre ad essere dedicata ad opere letterarie, si orienta verso lavori musicali nati da artisti di notevole talento e opere cinematografiche da cui emergono tematiche diametralmente opposte.

In particolare, si inizia mercoledi 27 con la proiezione del concerto live di Jennifer Matthews, registrato presso il Piper Club di Roma. La cantante mescola rock, soul e funk&blues attraverso uno stile musicale che ne testimonia il talento, paragonabile ad artisti come Suzanne Vega e PJ Harvey. Le sue esibizioni dal vivo in America, Europa e Giappone, registrano un ampio seguito da parte del pubblico che ne apprezza la voce suadente e le sonorità coinvolgenti.

La rassegna continua giovedi 28 con Salaam, un viaggio all’interno della Tunisia attraverso cui lo spettatore viene a conoscenza della complicata condizione di chi è originario del mondo Arabo. Il documentario si snoda dentro le opere del poeta Abdel Jabbar e ne racconta come egli sia capace di vedere e mostrare, affermano Grossi e Adel Bakri, “l’assurdità di questo nostro complicato mondo”. La proiezione termina venerdi 29 con La particella di Dio, documentario scientifico in cui Massimo Corbucci rivela la scoperta del Vuoto Quantomeccanico.

La teoria pone in discussione il Modello Standard, utilizzato dalla fisica nucleare per comprendere l’esistenza della materia e l’origine dell’universo, e afferma che la nascita della realtà concreta ha luogo nel campo della metafisica dove le unità di misura della fisica non hanno ragione di esistere. Il lavoro di Corbucci, avviato da trent’anni, mette in luce la possibilità di unire gli studi della fisica con la dimensione spirituale.

Lascia un commento