Tutto quello che avremmo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te

0
176

Marcos ha un dono. Il dono di sentire, vedere, leggere le emozioni, i ricordi e i segreti delle persone semplicemente guardandole negli occhi. Marcos ha appena perso sua madre, una famosa coreografa che gli ha insegnato tutto della vita, e ha deciso che senza di lei il mondo non sarà più lo stesso. Per questo ha intenzione di prendere un farmaco che gli permetterà di stare sveglio per sempre. Tutto è pronto per l’iniezione che non lo farà mai più dormire, quando arriva una telefonata. La polizia ha catturato uno “straniero”, un extraterrestre, e soltanto Marcos può interrogarlo, leggendo nella sua mente. Ma lo straniero – uno strano alieno, in tutto e per tutto uguale a un umano – è in grado di bloccargli l’accesso ai propri pensieri e di leggere nei suoi. Sarà lui a parlare a Marcos di sua madre. E della vita prima della morte, prima di questa vita; e di cosa sono fatti sogni e i ricordi. Onirico e surreale, spiazzante, immaginifico e commovente, un romanzo che parla di vita, di sesso, di morte, d’amore, di arte, di venditori di sogni e, soprattutto, di libertà.

* Tutto quello che avremmo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te * di Albert Espinosa (Ed. Salani, trad. di Patrizia Spinato, pp. 200, euro 14,50).

Lascia un commento