Premio Elsa Morante, a Lilli Gruber il Premio per la Comunicazione 2011

0
152

La giuria del Premio Letterario Elsa Morante, presieduta da Dacia Maraini e composta da Andrea Camilleri, Francesco Cevasco, Vincenzo Colimoro, Maurizio Costanzo, Paolo Ruffini, Emanuele Trevi, Teresa Triscari, Tjuna Notarbartolo, (direttore della manifestazione), consegnerà alla giornalista televisiva Lilli Gruber il Premio per la Comunicazione 2011.

I giurati decidono di attribuire il riconoscimento alla nota conduttrice tv “per il suo stile rigoroso e pacato, grintoso e garbato, per il suo fare informazione come giornalista, inviata, scrittrice, con forte personalità, autonomia intellettuale e capacità d’indurre chi ascolta alla riflessione ed allo spirito di coscienza. Una testimonianza di come il giornalismo diventa cultura”. Lilli Gruber (Bolzano, 19 aprile 1957) è giornalista professionista dal 1982 e scrittrice, autrice tra l’altro di “Ritorno a Berlino. Il racconto dell’autunno che ha cambiato l’Europa”, “Streghe. La riscossa delle donne in Italia”, “ Figlie dell’Islam. La rivoluzione pacifica delle donne musulmane”, “America anno zero. Viaggio in una nazione in guerra con se stessa”, “I miei giorni a Baghdad” (Rizzoli). Nell’87 è stata la prima donna a condurre un TG di prima serata, il Tg2 Studio Aperto. Ha condotto anche il Tg1 e ha lavorato all’estero per la tv pubblica tedesca SWF. Ha collaborato con La Stampa e Corriere della Sera. Nel 2004 eletta europarlamentare, è tornata in tv nel 2008 alla conduzione di Otto e mezzo su La 7.

La giornalista ritirerà il premio durante la cerimonia finale dell’Elsa Morante che si terrà presso la Protomoteca del Campidoglio a Roma il prossimo 10 novembre, alle ore 18.00 (ingresso libero fino ad esaurimento posti, previo prenotazione al 3332222632 o all’indirizzo mail premioelsamorante@premioelsamorante.it).

La manifestazione letteraria è organizzata, sotto l’Alto Patronato della Presidente della Repubblica, dall’Associazione Culturale Premio Elsa Morante in collaborazione con La7 e la Regione Lazio

Lascia un commento