L’opera segreta

0
176

Vienna, inverno 1786. Wolfgang Amadeus Mozart è chiamato a palazzo dall’imperatore Giuseppe II per ricevere l’incarico di comporre una nuova opera in tedesco che esalti i valori della Ragione e educhi il popolo. Vienna, novembre 2006. Paul Rosenberg, funzionario presso l’Associazione dei teatri federali austriaci e musicologo frustrato, riceve misteriosamente una lettera autografa del grande compositore scomparso da secoli: Mozart avrebbe composto una partitura massonica di cui non si è mai trovata traccia. Con l’aiuto della giovane studiosa Brenda Schmidt, incomincia la caccia allo spartito, che condurrà i due protagonisti in un viaggio tra passato e presente, dal mondo di internet alla città di Praga, dove finalmente troveranno una prova tangibile.
* L’opera segreta * di Javier Urzay (Ed. Corbaccio, trad. di Silvia Bogliolo, pp. 234, euro 15,60).

Lascia un commento