Memorie di un cane randagio

0
156

Se pensate che questa sia la storia di una “vita da cani” vi sbagliate di grosso. La randagia Squirrel è una cagnetta tosta, non ha mai perso tempo ad autocommiserarsi. Ma la sua non è una vita semplice. Separata ancora cucciola dall’adorato fratello Bone, Squirrel ha dovuto imparare a cavarsela. Vagabonda e spesso sola, stagione dopo stagione, sulla sua strada incontra uomini e altri cani, amici e nemici. Ognuno lascia una traccia in lei, a volte una vera e propria cicatrice. E, come sempre, sono le ferite interiori quelle più difficili da guarire. Delusa dall’uomo e dalla sua ipocrisia, convinta ormai di bastare a se stessa, Squirrel scopre però che la riconciliazione con il genere umano è possibile, anzi, necessaria. Perché una vita è piena soltanto quando è condivisa. Questa è la storia di Squirrel, raccontata con le sue parole: per i bambini un’avventura appassionante, per gli adulti un originale punto di vista sul comportamento umano.

* Memorie di un cane randagio * di Ann M. Martin (Ed. Salani, trad. di Michela Proietti, pp. 160, euro 12,50).

Lascia un commento