Siria, quattordici vittime a Damasco

0
323

Quattordici morti e molte decine di feriti. Questo l’ultimo bilancio degli scontri in Siria, ormai da cinque mesi terra di rivolte.

Una situazione simile a quella di Algeria, Yemen e Libia in cui ogni giorno si verificano manifestazioni contro il governo di Bashar al-Assad. Associazioni di diritti umano parlano di più di milletrecento persone uccise nelle manifestazioni e diecimila arrestati, anche se il numero è più basso viste le recenti scarcerazioni. Intanto la dopo le sanzioni di  alcuni mesi fa, condanna il regime per le “violenze che ancora colpiscono il popolo”.

Assad, al potere dal 2000, non intende ritirarsi. Lunedì scorso ha rivolto un appello alla nazione per aprire una stagione di riforme. Per gli oppositori, si tratta solo di annunci. Intanto continuano gli spostamenti dei profughi in Turchia, per fuggire a questa condizione. Fino ad oggi si contano più di undicimila siriani in terra turca.

 

Lascia un commento