Pensione, spunta Quota 102

0
196

“Le ipotesi di riforma previdenziale che prevedono l’obbligo di avere un numero alto di contributi non possono essere accettate, come quella definita Quota 102, con 64 anni di età e 38 di contributi, ancor peggio se accompagnate dal ricalcolo contributivo di tutta la carriera lavorativa”. È quanto dichiara il segretario confederale della Cgil Roberto Ghiselli.

Lascia un commento