La Mobilita’ Aerea Avanzata in Italia

Se ne ' parlato al MAM (Mediterranean Airspace Matching) di Grottaglie

0
324

Londra – Nei giorni scorsi sono stato invitato dalla sede di Londra dell’Ita (Italian Trade Agency) a partecipare in qualita’ di advisor nel settore aereo al Mam (Mediterranean Airspace Matching) che si e’ tenuto presso l’aeroporto di Grottaglie, futuro primo spazioporto italiano ed europeo.

L’evento, ideato e progettato dal Distretto Tecnologico Aerospaziale (DTA), ha visto tra i suoi organizzatori la Regione Puglia, ITA (Italian Trade Agency), ASI (Agenzia Spaziale Italiana), ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), Aeroporti di Puglia (AdP), ARTI (Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione) e Puglia Sviluppo, con la partnership di Leonardo e Intesa Sanpaolo.

Sono stati 3 giorni ricchi di esperienza, di conoscenza e di grandi opportunita’ sia per chi opera nel settore aeronautico che in quello spaziale, ma anche e sopratutto per eventuali investitori viste le numerose ed interessanti start-up presenti.

Si e’ parlato di come sara’ il nuovo trasporto aereo, dei vettori, di vertiporti, di spazioporto, ma soprattutto della mobilita’ aerea avanzata.

Per mobilita’ aerea avanzata (Advanced Air Mobility – AAM) si intende l’insieme dei servizi di trasporto innovative effettuati in un’ottica intermodale con sistemi aerei elettrici prevalentemente a decollo e atteraggio verticali (VTOL – vertical take off and landing) con o senza pilota a bordo (UAS – Unmanned Aerial Systems, inclusi i cosidetti droni) o autonomi in grado di migliorare l’accessibilita’ e la mobilita’ delle citta’, delle rete metropolitan e dei territori, la qualita’ dell’ambiente, della vita e della sicurezza dei cittadini.

La mobilita’ aerea avanzata incidera’ in modo significativo sul settore della mobilita’ urbana dei beni e delle persone e sul suo indotto. In questo scenario, che molto credono futuristico, ma che non lo e’ perche’ e’ gia’ il presente, i Paesi e le aziende che rimarranno concentrate sui modelli di tecnologia piu’ tradizionale – “abbiamo sempre fatto cosi’ e continueremo a fare cosi’” – saranno impreparati a far fronte alla nuova domanda che ben presto sorgera’ perdendo cosi’ occasioni di sviluppo e di crescita.

Anche l’Italia si sta attrezzando a questo nuovo scenario.

Nel 2019 fu stipulato il “Protocollo d’intesa tra Enac  ed il Ministero  per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione (oggi MITD) che ha creato il progetto ”Creazione dell’ecosistema italiano della mobilita’ aerea avanzata”.

Approfondiremo questo scenario nei prossimi articoli.

Riccardo Cacelli
r.cacelli@cacelli.com

Articolo precedenteChina Eastern Airlines ha inaugurato il nuovo Programma Fedeltà a livello globale!
Prossimo articoloSemperis migliora la sicurezza di Active Directory negli ambienti a identità ibrida con nuove offerte per Azure AD

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here