Flavio Lotti: La politica si assuma le sue responsabilità per le vittime in Afghanistan

0
254
"Il dolore dei familiari dei soldati uccisi e l'angoscia di quelli
feriti gravemente è anche il nostro. E' un dolore forte che ci deve
spingere a fare qualcosa in più per fermare e non continuare a
combattere questa guerra. 
 
I nostri giovani soldati muoiono perché il governo continua a scaricare
sui militari il compito di risolvere un problema che i militari non
hanno nessuna possibilità di risolvere. Per questo il mostro della
guerra continua da nove anni a fare stragi di vite umane, di legalità,
di diritto e di diritti. 
 
L'Italia deve uscire da questa guerra. Subito.
 
L'Italia deve abbandonare la via della guerra e impegnarsi a costruire
un'alternativa politica alla guerra senza limiti. 

Al Parlamento chiediamo di convocare subito una seduta straordinaria
dedicata alla guerra in Afghanistan, alla revisione della politica
dell'Italia e delle iniziative urgenti da assumere a livello nazionale e
internazionale. 
 
Alla Rai, servizio pubblico, e a tutto il mondo dell'informazione,
chiediamo di organizzare un serio dibattito sulla guerra in Afganistan
per aiutare gli italiani a capire cosa è accaduto, cosa sta succedendo e
come si può fare per evitare di continuare a piangere inutilmente.
 
Chiediamo che a parlare non siano invitati solo i militari e i
cosiddetti "esperti" ma anche i costruttori di pace, quelli che ieri
hanno partecipato alla Marcia per la pace Perugia-Assisi, quelli che
lavorano tutti i giorni per evitare queste inutili stragi".

Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola per la Pace Perugia-Assisi

Lascia un commento