I segnali d’allarme di un hard disk che si sta guastando

Gli hard disk tradizionali sono dispositivi meccanici e come tali soggetti ad usura. Come riconoscere quando qualcosa non va? Quando è opportuno rivolgersi ad un laboratorio specializzato? Scopriamolo in questo breve articolo.

0
203

L’hard disk è il componente del nostro pc destinato alla memorizzazione dei dati.

La maggior parte dei componenti del computer sono dispositivi elettronici. Al contrario di dispositivi e attrezzi meccanici non dovrebbero deteriorarsi col tempo. L’hard disk, quello tradizionale, però, è un dispositivo meccanico, uno dei pochi utilizzati nell’informatica moderna, e, come tale, prima o poi smetterà di funzionare.

È quindi importante imparare a riconoscere i segnali d’allarme che ci vengono dati dal nostro hard disk quando è prossimo alla rottura, in questo modo, se non abbiamo già fatto un backup, cosa che a prescindere dovremmo comunque fare sempre, avremo la possibilità di mettere al sicuro i nostri dati prima che sia troppo tardi.

Comprendere quando l’hard disk sta per lasciarci

Pur non essendo sempre possibile accorgersi che il proprio hard disk funziona male ed è prossimo alla rottura, è comunque importante rimanere all’erta per sintomi del genere.

L’hard disk è un componente estremamente delicato, e la sua apertura va effettuata esclusivamente in un centro specializzato all’interno di una camera bianca di classe 100 da personale addestrato, anche solo una singola particella di polvere potrebbe arrecare gravi danni, quindi aprire un disco è operazione assolutamente da non fare.

È bene ribadire anche che è molto più facile ed economico effettuare un backup piuttosto che far eseguire il recupero dei dati da un laboratorio specializzato. Una volta rilevati i segnali di malfunzionamento dovremmo immediatamente verificare di avere una copia di backup, o, altrimenti, crearne una.

In questo modo, quando l’hard disk smetterà di funzionare, potremo trasferire tutti i dati che erano nel vecchio hard disk su quello nuovo utilizzando la copia di back up. Il tempo e il denaro richiesti da quest’ultima operazione sono nettamente inferiori rispetto a quanto richiesto da un laboratorio specializzato.

Attenzione ai rumori strani

A volte, la presenza di strani rumori di graffi e striduli all’interno dell’hard disk significa che questo è prossimo alla rottura totale, per esempio, se si verifica la rottura della testina, spesso significa che l’hard disk è arrivato al capolinea. Oppure, il rumore potrebbe essere causato dal motorino dell’hard disk o da cuscinetti rumorosi. Se sentiamo dei rumori strani corriamo subito ai ripari, probabilmente l’hard disk non funzionerà ancora per molto.

Attenzione a dati che scompaiono e a errori del disco

Il computer si rifiuta di salvare un documento? Ieri abbiamo salvato un file sul desktop e ora non lo troviamo più? Programmi che hanno sempre funzionato smettono di funzionare non riuscendo a trovare il percorso dei file necessari al loro funzionamento? Tutti questi sono segnali che l’hard disk è sulla via del tramonto. Naturalmente, può anche darsi che i file siano spariti perché qualcuno li ha spostati oppure per via di un virus, ma, in genere, i dati che scompaiono non sono mai un buon segno per la salute dell’hard disk, specialmente se abbiamo individuato altri malfunzionamenti.

Il computer non riconosce l’hard drive

Anche se potrebbe sembrarci ovvio, se il computer non riconosce l’hard drive, probabilmente è l’hard disk ad avere un problema, non il computer. Provare l’hard drive sul computer di un amico e vediamo se il suo computer lo riconosce. Spesso, si tratta di un malfunzionamento logico, a meno che non sentiamo strani rumori che indicano gravi problemi meccanici o problemi alla testina.

Il computer va in crash

Il computer restituisce schermate blu o si riavvia in continuazione? Va spesso in crash, soprattutto quando si tratta di riavviare il sistema? Se il computer va così spesso in crash, specialmente durante l’accesso ai file (come durante la sequenza di avvio), potrebbe essere indicativo di problemi all’hard disk.

Tempi di accesso troppo lunghi

Non deve volerci troppo tempo per aprire cartelle in Esplora risorse o per svuotare il cestino. Quando succede questo, in genere, l’hard disk sta per rompersi, probabilmente entro un mese o due.

Come già detto, prestare molta attenzione ai rumori

Appena cominciamo a sentire rumori anomali che provengono dal case, spegniamo immediatamente il computer. A volte un avvio in meno può fare la differenza e in caso di dubbi sul da farsi rivolgersi ad un tecnico.

Consigli
• Malfunzionamento media: se l’hard drive è stato maneggiato impropriamente o i dischi magnetici sono stati graffiati e rigati, o ancora riceviamo errori di lettura/scrittura o problemi di formattazione a basso livello, ci troviamo davanti a un malfunzionamento media. Questo tipo di malfunzionamento è relativamente raro. Una volta che i dischi magnetici sono stati rigati o graffiati, è altamente probabile che qualcosa è andato perso in maniera irreversibile se non abbiamo una copia di backup.
• Malfunzionamenti logici: i malfunzionamenti logici sono quei malfunzionamenti in cui il problema risiede nella parte software ed elettronica dell’hard drive, ad esempio il firmware. In genere non costa molto riparare questo tipo di problema ma, sfortunatamente, è un altro tipo di malfunzionamento raro.
• Malfunzionamento testina: Il malfunzionamento della testina si verifica quando la testina di lettura/scrittura, in pratica, cade sul disco (head crash), lavora ad un’altezza scorretta rispetto al disco o c’è un malfunzionamento nel cablaggio tra la testina e la scheda logica, rispetto ad altri tipi di malfunzionamento della testina di lettura/scrittura, questo è un tipo abbastanza comune. Tra questi, l’”head crash” è particolarmente grave.
• Malfunzionamenti meccanici: probabilmente i più comuni. Il motorino si brucia, il dispositivo si surriscalda, i cuscinetti si incastrano, il tipo di scenario che ci aspetti di trovare nel cofano di un’auto in panne. Questo tipo di malfunzionamento è abbastanza grave, ma se non riguarda il disco rigido in sé, potremo avere buone probabilità di recuperare i dati. Un’operazione che però potrebbe rivelarsi costosa.
• Il consiglio finale è che a prescindere da eventuali segnali d’allarme che il nostro hard disk è alla fine della sua vita, è sempre bene avere delle copie di backup dei nostri dati, perché, anche qualsiasi genere di malware è sempre in agguato.

Lascia un commento