Berlusconi, “ddl di iniziativa popolare per portare i deputati a 300 e i senatori a 150”

0
250

s_aula_emiciclio_02_giu08“Sto veramente pensando a un ddl di iniziativa popolare per portare i deputati a 300 e i senatori a 150. Perché un testo di iniziativa popolare? Perché voglio vedere il Parlamento non votare positivamente una legge presentata con il sostegno di milioni di elettori”.Con queste paroile Berlusconi rilancia. In un’intervista a Rtl 102.5 ha poi ribadito che sul Parlamento “ho detto solo che è pletorico e stiamo preparando un progetto e immagino sarà fatto nel prossimo anno per la separazione degli ordini giudiziari”.
Ad onor del vero il Parlamento italiano è composto da 630 deputati e 315 senatori per un totale di 945 politici addetti alla legislazione di un paese composto da 60.000.000 di abitanti.
Per esempio il Parlamento europeo a fronte di una popolazione totale dell’Unione di 499.000.000 è composto da 785 deputati.
Come dire che usando lo stesso parametro in Italia i parlamentari non dovrebbero essere superiori a 100.
E se la proposta di Berlusconi è stata fatta perchè è quello che vuole la gente comune?
C’è forse il rischio di democrazia? Per Franceschini, si
“Si va a votare per le Europee ma esiste anche una battaglia più grande: quella del futuro per la democrazia in Italia”. Così Franceschini, a Rovigo, ha parlato durante un tour elettorale con i candidati del partito. “Per Berlusconi – aggiunge il segretario del Pd – il Parlamento è un ostacolo alla sua luminosa azione di governo, ma questi sono segnali pericolosi”.