Iran, sfida al regime

2
231

scontri_iran1Mehdi Karroubi, uno dei candidati sconfitti alle elezioni presidenziali, ha deciso di scendere in piazza Eghelab, a Teheran, nella manifestazione di protesta per i risultati elettorali. Agenti in assetto anti-sommossa sono da ore schierati sulla piazza. La decisione dell’opposizione è una sfida all’appello della Guida Suprema, Ali Khamenei, che nel sermone di ieri ha legittimato l’elezione di Mahmoud Ahmadinejad e ha vietato i cortei.

2 Commenti

  1. La rivoluzione ingannata
    ======================
    Gli obiettivi della “rivoluzione” in corso in Persia non sono libertà, democrazia eguaglianza sociale, laicizzazione dello Stato e separazione della religione dalla politica. Niente di tutto questo certamente assai presente nell’animo dei tantissimi giovani che sfidano il Regime è presente e ravvisabile nelle parole d’ordine imposte da chi ha fatto la “griffe” ed ha assegnato un colore (verde) alla rivolta. Le parole d’ordine sono: Morte ad Ahmaninejd e potere a Mousovi. La rivoluzione è scoppiata a causa di una profonda frattura interna
    all’estambliscement del Regime da coloro che aspirano alla collaborazione con Israele e l’occidente, a spartire con le multinazionali la ricchezza escludendone il popolo e lo Stato a vantaggio di una oligarchia già assai potente. La rivoluzione è nelle loro mani. I giovani sono soltanto carne da macello da immolare per svergognare il Regime.
    Uno dei capi del tentato golpe è tra le prime cariche dello Stato. Rafsanjani è il ricchissimo proprietario di trecento università private. Mousavi è noto per avere foraggiato i contras contro il legittimo governo sandinista del Nicaragua.
    E’ legittimo supporre che abbiano stretti legami con i servizi segreti occidentali che puntano ad insediare in Iran
    un Quisling, un Petain da aggiungere ai Quisling ed ai Petain al vertice di Iraq ed Afghanistan e della Cisgiordania.,
    Se il golpe sarà sconfitto (la cosa non è certa) non sono da escludere iniziative militari dirette o indirette dello Occidente per ridurre l’Iran al servizio degli interessi geostrategici e delle multinazionali dell’imperialismo.
    http://www.altrainformazione.it/wp/2009/06/17/una-connessione-tra-mir-hossein-mousavi-e-lirangate/

    Pietro Ancona
    http://medioevosociale-pietro.blogspot.com/
    http://www.spazioamico.it

  2. altre considerazioni sul golpe di Mousavi

    Il golpe tentato da Mousavi con l’appoggio anglosassone forse fallirà ma comunque ha già ferito l’Iran. L’Iran da sempre è preda dell’Occidente per via del petrolio ed ora della sua posizione strategica nel mondo globalizzato. L’Occidente non avrà pace fino a quando non lo ridurrà in macerie come Gaza, come l’Irak, come l’Adghanistan. Sempre in nome della libertà e della democrazia….. Escludere aprioristicamente l’intervento della Cia o del Mossad è davvero irrazionale ed è comunque diventato una moda. Le sollevazioni dei contadini colombiani contro il regime militare vengono subito coperte dal silenzio delle batterie massmediatiche dell’occidente e duramente represse con le torture e la morte. Ma i contadini colombiani non contano niente per la sinistra italiana che oggi si rinnova accreditando il libero arbitrio delle masse iraniane che si sono mosse spontaneamente ed in nome della libertà contro il Regime. C’è uno sfruttamento dei sentimenti di giustizia e di libertà del popolo iraniano da parte dei dirigente del golpe.
    Riflettete: l’alternativa non è tra il regime teocratico e le masse assetate di libertà ma tra l’Iran autonomo e Mausavi agente americano!
    Irak ed Afghanistan hanno due regimi fantocci travestiti di democrazia diretti dagli Usa e dalla Nato. Dobbiamo farne un terzo?
    La tristissima esperienza della Palestina di Abu Mazen dimostra che la scelta di una direzione “moderata e filooccidentale” non cambia niente e non ottiene niente. L’Occidente non ha rispetto per niente, vuole solo espandere i suoi interessi economici e militari.

    Pietro ancona
    http://medioevosociale-pietro.blogspot.com/
    http://www.spazioamico.it

Lascia un commento