La conferenza stampa di Berlusconi. Accusa: “I radicali hanno impedito violentemente ai nostri rappresentanti di mettersi in coda per la consegna delle liste e la forza pubblica ha intimato ai nostri rappresentanti di uscire dal Tribunale”. Fini non pateciperà alla manifestazione

1
267

E’ in corso la conferenza stampa di Silvio Berlusconi inmerito alla presentazione delle liste del Pdl a Roma.
Silvio Berlusconi ha ricostruito la vicenda della presentazione delle liste del Pdl di Roma. “Versioni inveritiere e interessate – ha detto Berlusconi – sono state diffuse da certa stampa. In quello che e’ accaduto non c’e’ nessuna responsabilita’ da parte dei nostri dirigenti e funzionari. Ai nostri rappresentanti e’ stato impedito di presentare le liste”
“La gazzarra – ha continuato Berlusconi – messa in atto dai radicali ha impedito violentemente ai nostri rappresentanti di mettersi in coda per la consegna delle liste e la forza pubblica ha intimato ai nostri rappresentanti di uscire dal Tribunale”.
“Daremo una lezione alla sinistra che si è comportata in maniera antidemocratica e meschina e avrebbe preferito correre da sola così come si usava nelle democrazie popolari dell’est europeo – ha proseguito Berlusconi – e nei giorni precedenti l’emanazione del decreto salvaliste, Gianni Letta informò Pier Luigi Bersani delle nostre intenzioni”.
Finale teso di conferenza stampa, nella sede del Pdl a Via dell’Umiltà, quando per la terza volta consecutiva Rocco Carlomagno ha interrotto il premier Silvio Berlusconi. “Si vergogni, questa è la sinistra” è sbottato Berlusconi, mentre il coordinatore del Pdl Ignazio La Russa raggiungeva l’uomo seduto tra i giornalisti, e dopo averlo energicamente invitato a parole a smetterla, gli ha poggiato la mano sulla testa. A questo punto l’uomo ha iniziato ad accusare il premier e il governo, mentre Berlusconi lasciava la sala, visibilmente irritato.

Intanto Gianfranco Fini ha fatto sapere che non parteciperà alla manifestazione del 20 marzo a Roma annunciata da Silvio Berlusconi.
Lo ha detto ai cronisti a Montecitorio. “Il presidente della Camera – spiega Fini – non va a manifestazioni elettorali organizzate dai partiti in campagna elettorale“. Il presidente della Camera risponde anche ironicamente ad una giornalista chi gli chiedeva se almeno condivideva l’iniziativa. “Non le dico cosa penso di questa domanda – ha risposto Fini – solo perché è una signora...”

1 Commento

  1. la manifestazione dei berluskones del 20 marzo
    Mentre le manifestazioni di piazza dei partiti di opposizione sono fisiologiche alla democrazia quelle del governo e della maggioranza sono eversive e mirano a scoraggiare ogni dissenso……
    pietro ancona

Lascia un commento