Papa: “Sgomento per abusi sui minori”

1
295

“Ne risponderete davanti a Dio e ai tribunali. Di fronte a questi errori siate un esempio e uomini di Dio” Con queste parole scritte in una lettera al clero irlandese, Papa Benedetto XVI è intervenuto sugli abusi ai minori compiuti dalla Chiesa d’Irlanda. Nella lettera ai fedeli irlandesi, Benedetto XVI parla di “gravità delle colpe”, di risposte inadeguate e ai colpevoli dice che : “Alle vittime degli degli abusi riconosce la difficoltà nel perdonare, esprimendo a nome della Chiesa rimorso, pentimento e vergogna”.

1 Commento

  1. E non vi fate di nuovo ingannare dalle dichiarazioni pubbliche della “tolleranza zero”, mentre dietro le quinte essi preparano le vie di fuga dei loro cari “dipendenti”. Come ha sottolineato, infatti, Tom Doyle, il Crimen sollicitationis impone categoricamente la scomunica immediata (latae sententiae) a chi denuncia i crimini di pedofilia e che soltanto le gerarchie ekklesiastiche hanno funzione giuridica in simili reati. L’ostacolo è proprio questo: che tutte le cause in corso sono soggette al “segreto pontificio” . In particolare, il Crimen impone che le cause di abusi sessuali siano segretissime e su esse scenda il “silenzio perpetuo”, sia da parte dei giudici canonici sia anche dei testimoni, delle vittime e dei violentatori. Questo va a collidere con le disposizioni civili dello Stato italiano che nell’art. 378 del codice penale punisce a titolo di favoreggiamento personale “chiunque, dopo che fu commesso un delitto per il quale la legge stabilisce l’ergastolo o la reclusione […] aiuta taluno a eludere le investigazioni dell’Autorità, o a sottrarsi alle ricerche di questa”.
    da: LA RELIGIONE CHE UCCIDE
    COME LA CHIESA DEVIA IL DESTINO DELL’UMANITÀ
    http://alessiodibenedetto.jimdo.com/novita-2010/
    http://www.macroedizioni.it/libri/la-religione-che-uccide.php
    http://www.macroedizioni.it/libri/la-religione-che-uccide.php

Lascia un commento