Manovra anticrisi, Gianni Letta: “Sacrifici duri”. La Chiesa: “Si pensi a lavoro e famiglia”

0
200

La Manovra che il Governo Berlusocni varerà domani conterrà “una serie di sacrifici molto pesanti, molto duri che siamo costretti a prendere, spero in maniera provvisoria, con una temporaneità anche già definita, per salvare il nostro Paese dal rischio Grecia. Capiamolo così e ci capiamo tutti”. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta che ha aggiunto: “Si tratta di una manovra straordinaria, che ci è imposta dall’Europa così come per tutti gli altri Paesi”.

Intanto anche la Chiesa scende in campo: quoziente familiare e lavoro ai giovani.

E’ il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, a lanciare l’allarme.

“L’Italia, – spiega Bagnasco – sta andando verso un lento suicidio demografico, urge una politica che sia orientata ai figli, che voglia da subito farsi carico di un equilibrato ricambio generazionale. Serve in Italia un impegno bipartisan per affrontare il nuovo giro di vite e le nuove ristrettezze imposte dalle decisioni dell’Unione Europea per affrontare gli ulteriori sviluppi della crisi economica”

Lascia un commento