Processo breve, Pd: “Sarà un Vietnam”, Gianni Letta: “Settimana di fuoco”

0
86

Roma – Ad accendere i riflettori ed anche la tensione, anche se non ce ne era bisogno, è stato Roberto Giachetti, responsabile d’Aula del Pd, che in un commento al Corriere della Sera annuncia una serrata battaglia parlamentare.

Il voto finale è per domani alle 18, ma in questo tour de force ci sono molte votazioni sugli emendamenti che potrebbero riservare qualche sorpresa alla maggioranza. Infatti il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, ha sentito il bisogno di scrivere a tutti i suoi deputati, richiamandoli all’ordine e alla presenza

“Staranno tutti lì e faremo votare quando decidiamo noi – ha commentato Giachetti al Corriere della Sera – Ci sono circa 190 votazioni e non sono poche. Devono restare in aula dalla mattina alla sera e magari anche in seduta notturna. La Camera si prepara ad affrontare il “Vietnam” del processo breve”.

Anche Gianni Letta vede una settimana calda, anzi incandescente.

“Quella che si preannuncia – ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta – è una settimana incandescente,e quella di oggi sarà una giornata difficile. Le nostre solite responsabilità in questi giorni sono aggravate dalla guerra in Libia e dalla questione degli immigrati e queste sono giornate incerte, affannose e amare”.

ARTICOLI CORRELATI – ALFANO: “Tenue incidenza su prescrizione