Le parti sociali per la prima volta uniti lanciano un allarme storico “serve una immediata discontinuità”

0
244

Confindustria,Cgil,Cisl,Uil e Ugl,l’Abi Alleanza cooperative italiane, Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Rete Imprese per l’Italia di cui fanno parte Confcommercio, Confesercenti, Cna, Confartigianato e Casartigiani, lanciano l’allarme: “Guardiamo con preoccupazione al recente andamento dei mercati finanziari e per evitare che la situazione italiana diventi insostenibile una immediata discontinuità per la crescita”.

Guardiamo si legge nella nota – con preoccupazione al recente andamento dei mercati finanziari. Il mercato non sembra riconoscere la solidità dei fondamentali dell’Italia. Siamo consapevoli che la fase che stiamo attraversando dipende solo in parte dalle condizioni di fondo dell’economia italiana ed è connessa a un problema europeo di fragilità dei paesi periferici. A ciò si aggiungono i problemi di bilancio degli Stati Uniti. Ma queste incertezze dei mercati si traducono per l’Italia nel deciso ampliamento degli spread sui titoli sovrani e nella penalizzazione dei valori di borsa“.

Ciò proseguono imprese e sindacati – comporta un elevato onere di finanziamento del debito pubblico ed un aumento del costo del denaro per famiglie ed imprese. Per evitare che la situazione italiana divenga insostenibile occorre ricreare immediatamente nel nostro Paese condizioni per ripristinare la normalità sui mercati finanziari con un immediato recupero di credibilità nei confronti degli investitori. A tal fine si rende necessario un Patto per la crescita che coinvolga tutte le parti sociali; serve una grande assunzione di responsabilità da parte di tutti ed una discontinuità capace di realizzare un progetto di crescita del Paese in grado di assicurare la sostenibilità del debito e la creazione di nuova occupazione“.

Lascia un commento