2 agosto 1980, 85 morti che aspettano ancora la verità.

0
1540

Il corpo senza vita sotto il treno
La foto che vedete è molto cruda, Si vede un corpo sotto il treno dilaniato dall’esplosione. L’abbiamo punbblicata solo per non dimenticare questa strage come altre stragi la cui veritànon è stata ancora scritta e che forse mai lo sarà.

Era il 2 agosto 1980, ore 10,25, una bomba esplode nella sala d’aspetto di seconda classe della stazione di Bologna.

Lo scoppio violentissimo, provoca il crollo soccorsidelle strutture sovrastanti le sale d’aspetto di prima e seconda classe dove si trovavano gli uffici dell’azienda di ristorazione Cigar e di circa 30 metri di pensilina.

L’esplosione investe anche il treno Ancona-Chiasso in sosta al primo binario.

85 persone morte e 200 feriti.

Noi non scriviamo nulla di quello che diranno oggi le istituzioni ed i politici di qualsiasi partito.
Parole al vento, parole senza anima.
Scriviamo solo quello che ha detto stamani il Presidente dell’Associazione familiari delle vittime del 2 agosto, Bolognesi.

Le promesse non mantenute negli anni dai vari governi che si sono succeduti sono prese in giro istituzionali nei confronti delle vittime. Dal 9 maggio, giorno in cui Berlusconi disse che bisognava aprire l’armadio della vergogna, ad oggi non è arrivato neanche un foglio di carta al Tribunale di Bologna“.

“Nei confronti dei parenti delle vittime il Governo ha avuto un comportamento inqualificabile: quest’anno, come l’anno scorso, non ha inviato alcun rappresentante istituzionale a Bologna”

Questa è un’Italia che non vorremmo mai più vedere.

Lascia un commento