Competitività, Cnel: “Italia ultima in Europa”

0
332

Londra – Molte volte ci si chiede se gli studi, le ricerch, le inchieste si basano solla sulla teoria od anche sugli aspetti reali della società. Oggi il Cnel ci dice che in 10 anni la perdita di competitività del sistema Italia rispetto agli altri paesi dell’eurozona è stata del 20%.

Chi segue gli aspetti sociale ed economici italiani lo sa bene. Benissimo.

Nella classifica delle maggiori economie del mondo l’Italia è scivolata all’ultimo posto.

La contrazione del numero di occupati durante gli ultimi anni è stata contenuta, se confrontata con l’intensità della caduta dell’attività economica, e il ciclo sfavorevole si è riflesso in una frenata dell’offerta di lavoro.

Subito riforme. Riforme con la R maiuscola. Che siano tecnici o politici poco importa, ma subito una legislazione di riforme. Riforme della pubblica amministrazione, riforma del bilancio dello Stato, modificare il rapporto “Cittadino al servizio dello Stato” in “Stato al servizio del Cittadino”. Riforma dei trasporti, Riforma delle comunicazioni, ed infine liberalizzazione totale, libera, con zone non territoriali ma di settore “free tax” in relazione ai distretti economici che il mercato globale assorbe.

Ecco alcuni spunti per migliorare la competività.

Riccardo Cacelli
Managing & Consulting