Renata Polverini, Game Over. Si è dimessa il Presidente della Regione Lazio

0
195

Londra – Renata Polverini si è dimessa dall’incarico di presidente della Regione Lazio, in seguito alla vicenda dei fondi del PdL.

Comunico ciò che ho detto ieri a Napolitano e poi a Monti, le mie dimissioni irrevocabili”. Così Renata Polverini ha aperto la conferenza stampa convocata per annunciare le sue dimissioni dall’ incarico di presidente della Regione Lazio, dopo lo scandalo dei fondi PdL. Questi signori li mando a casa io, consiglieri indegni: Io ho intenzione di continuare a testa alta. Con questi malfattori non ho niente a che fare: Lo devo alle persone leali come il presidente Cioccetti dell’Udc che mi è stata fedele fino all’ultimo. Questa storia nasce per una faida interna al Pdl. Un partito chenon consegnò la lista che ci ha consegnato un dibattito interno coordinato da personaggi ameni che si aggirano in Europa. Attacchi anche al Pd: «Voleva regolare una battaglia interna. Vadano a casa ma non si permettano di parlare di me e dei miei collaboratori. Le ostriche non le ha inventate l’ex capogruppo. IO non hai avuto una carta di credito nemmeno i miei collaboratori“.

Attacchi anche all’Idv. “Io dico basta, non lo merita la mia storia personale, la mia famiglia, infangata da due anni. Da pochi minuti sono tornata una persona libera e mi sento veramente bene. Due anni e mezzo in questo sistema, me lo sentivo come una gabbia“.

Polverini rimarrà in carica per le attività ordinarie.

“Me ne vado senza colpa alcuna… ma lo faccio a testa alta”.

Nel pomeriggio il leader Udc Casini al Tg3 aveva satccato la spina: “Mi auguro che Polverini non ascolti chi le dice di rimanere ancora lì. Gli italiani apprezzeranno. Mi auguro che la presidente Polverini e chi ha collaborato con lei in modo serio capisca che con questa marea di fango che si è alzata resituire la parola agli elettori significa essere dignitosi”.

Qualcuno ha scritto nel suo profilo di Facebook…… non è che in cambio della sfiducia alla Polverini l’Udc ha incassato la candidatura a sindaco di Roma del centrosinistra per Ciocchetti?

La politica signori è questa!