Strage di migranti, 400 dispersi e la Merkel boccia gli eurobond di Renzi

0
73

Si continua a morire sulle rotte dei migranti: 400 persone, in gran parte somali, ma anche etiopi ed eritrei, sono quasi certamente annegate nel Mar Mediterraneo al largo delle coste egiziane mentre tentavano di raggiungere l’Italia su quattro vecchi barconi. La tragedia avviene a un anno esatto di distanza dalla strage del 18 aprile del 2015, quando 800 persone morirono nel Canale di Sicilia a causa del naufragio di una nave eritrea.