LUCA MORETTO AL MECENATI DEL XXI SECOLO CORPORATE ART AWARDS®

Un’altra soddisfazione internazionale per l’artista veneto

0
64
Luca Moretto, insieme a 32 via dei Birrai partecipano al contest internazionale che premia le migliori collaborazioni tra il mondo aziendale e il mondo dell’arte con l’opera “X Anniversary 32 Via dei Birrai”. I premi del concorso “MECENATI DEL XXI SECOLO – Corporate Art Awards® 2018” saranno conferiti durante una cerimonia il 28 novembre, al Parlamento Europeo a Bruxelles.

Nell’opera 32 Via dei Birrai, realizzata in occasione del compimento di dieci anni di attività del famoso birrificio artigianale, Moretto reinterpreta il logo con murrine in silicone di ispirazione veneziana, un tema ricorrente che caratterizza sia le sue opere su tela che i supporti scultorei e che l’artista jesolano registra come format “Murrina Pop®”.
L’idea di questa collaborazione con 32 Via dei Birrai è nata dal desiderio di fare incontrare l’arte della produzione di una birra speciale con l’estro creativo di Moretto. Un abbinamento vincente che oggi porta l’artista a partecipare al Corporate Art Awards® 2018, un concorso internazionale a fianco di nomi importanti come, Banca d’Italia, Bulgari, Deutsche Bank, ENEL, FCA, Fendi, Volkswagen e tanti altri.
Appassionato da sempre al mondo della comunicazione, Moretto non è nuovo al rapporto prolifico con la realtà aziendale. La sua opera più conosciuta “Vespa Venice”, è un esemplare del modello Piaggio datato 1967, che l’artista rivisita con estro e fantasia per poi esporla alla 54° edizione della Biennale di Venezia nel Padiglione Italia e alla recente “Motocicletta. L’architettura della velocità”, spettacolare esposizione curata dalla Fondazione Musei Civici di Venezia in dialogo con il padiglione della Biennale Architettura 2018 a Forte Marghera (Mestre). La vespa di Moretto è ospite permanente del Museo Piaggio, considerata da ICON come una delle 5 versioni uniche più belle del celebre scooter italiano
L’arte di Moretto è diretta, gioiosa, ma arriva da un percorso doloroso che va indagato e assimilato insieme alle forme e ai colori perché ci ricompensa con un dono speciale: un messaggio di ottimismo e speranza per affrontare le difficoltà della vita. A 23 anni, Luca perde una gamba in seguito a un incidente in motocicletta e dovrà convivere per sempre con il dolore a causa della “sindrome dell’arto fantasma”. L’arte diventa una cura per la mente.
In 12 anni di attività, Moretto sperimenta con il silicone su tela fino a riuscire a plasmarlo nelle forme più impensabili, conferendogli dignità e bellezza. Dalle sue opere scaturisce un’energia travolgente che accende il desiderio sensoriale nello spettatore, desiderio che l’artista incita a soddisfare permettendo di accarezzare le sue creazioni.
La sua forza creativa è rivolta anchea una forma d’arte che possa essere veicolo di comunicazione. Impossibile non essere travolti dalla gioia di vivere che l’artista celebra nel suo motto: “L’ottimismo può fondare le sue radici anche nel dolore”.