Regno Unito: duecento conservatori salvano Theresa May

Ancora dubbi sul percorso Brexit

0
135

A dare l’annuncio della salvezza della May a Westminster è stato proprio Graham Brady, presidente del gruppo parlamentare del Partito conservatore alla Camera dei Comuni che aveva recepito le 48 lettere da altrettanti deputati Tories per avviare il procedimento di sfiducia alla premier.

Graham Brady: “Il risultato del voto di questa sera è che i parlamentari confermano la fiducia in Theresa May come leader del partito conservatore ………i numeri del voto sono 200 a favore e 117 sono quelli contro”.

La Gran Bretagna salva la faccia rimettendo in apparenza le cose a posto e una May un po’ sconvolta ha lasciato una breve dichiarazione sulla porta di Downing Steet.

Un invito all’unità, alla necessità di attivarsi per dare la Brexit agli inglesi e costruire un futuro migliore per il paese. “Dobbiamo tornare all’unità piuttosto che innescare divisioni e questo deve partire dal parlamento” ha precisato.

La premier sopravvive politicamente ma deve spiegare a Bruxelles, ai 27 partner, con chiarezza quali sono le sue richieste per far digerire l’accordo sulla Brexit al parlamento che la stava mettendo alla porta.

Theresa May si salva dalla sedizione interna ma il percorso della sua Brexit non è un tappeto di rose.