Ungheria, terza nottata di proteste contro le nuove leggi sul lavoro

Momento intenso di protesta contro la nuova legislazione

0
142

Gli ungheresi sono scesi in piazza per la terza notte di protesta contro la nuova legislazione che disciplina le norme sul lavoro e che esentano il governo dal controllo indipendente da parte dei tribunalil. Stavolta sono scesi in piazza anche i deputati dell’opposizione che hanno già protestato durante la sessione parlamentare, ma senza successo.

ANDRÁS FEKETE-GYŐR, PRESIDENTE DEL MOVIMENTO MOMENTUM (OPPOSIZIONE) “È così importante che le elezioni parlamentari europee vengano il prossimo maggio e che a ottobre si terranno le elezioni comunali. Il partito di governo deve essere battuto in quelle elezioni.Queste proteste sono buone per organizzare la comunità per questo compito”.

BENCE TORDAI, PÁRBESZÉD (PARTITO DI OPPOSIZIONE) “Dobbiamo cambiare la cultura politica, non solo il governo. Non possiamo aspettarci che una sola persona ci dica cosa è buono, dobbiamo trovare la forza di essere diversi, con punti di vista diversi e, naturalmente, qualcuno deve sedersi nel posto di Orbán. Ma questo non è il momento giusto per trovare questa persona, ma dobbiamo trovare prima un punto in comune”.

Le nuove leggi consentono ai datori di lavoro di chiedere al personale di lavorare fino a 400 ore extra all’anno di invece di 250, mentre il pagamento potrebbe essere ritardato di tre anni.