L’Isis risorge in Afghanistan

0
248

L’Isis ha perso in Siria e in Iraq, ma sta risorgendo in Afghanistan, nascondendo nelle montagne nordorientali migliaia di combattenti pronti ad attaccare l’Occidente. Diversi media internazionali stanno riprendendo l’allarme lanciato da ufficiali delle forze di sicurezza statunitensi e afghane. Molti degli affiliati vengono da Uzbekistan, India e Bangladesh.

Ajmal Omar, membro del consiglio della provincia di Nangarhar conferma: “Daesh non è stato eliminato. È solo rimasto in silenzio per un po’, per avere il tempo di ricostituirsi e spostarsi in altre aree. Questo mese sono arrivati nella provincia di Kunar e da qui in altri luoghi, con numeri importanti”.

La “Provincia del Khorasan”, questo il nome che l’Isis si è dato in terra afghana, è considerata una minaccia maggiore rispetto ai taleban per le sue capacità strategiche e militari e l’ambizione di colpire in tutto il mondo. Il reclutamento punta molto alle università, dove cercano studenti preparati su materie hi-tech, abili sui social media e in grado di viaggiare.

I taleban, con cui ogni tanto l’Isis si scontra, sono ormai visti come potenziali partner per frenare la sua espansione.

Lascia un commento