Madrid: migliaia di persone in piazza contro lo smog

0
112

A Madrid il caldo torrido non ha fermato il corteo per protestare contro la decisione del neo eletto sindaco, José Luis Martínez-Almeida, di eliminare il divieto di circolazione delle auto per ridurre le emissioni di gas, noto con il nome di Madrid Central.

Il divieto, che riguardava un’area di 5 kmq, era stato introdotto lo novembre scorso dalla precedente Amministrazione con multe, per i trasgressori, che arrivavano fino a 90 euro.

“Con questo progetto non abbiamo ridotto l’inquinamento – dice – abbiamo creato un ghetto per le piccole imprese, se non lo cancellano non sappiamo per quanto ancora dureremo nel mondo degli affari”.

“Ciò che chiediamo in questo nuovo panorama politico – afferma il membro di un comitato cittadino – è quello di rimodulare l’intero progetto, cercando nuove soluzioni, prendendo nuove decisioni che possano renderme più tollerabile l’implementazione”.

Se una parte dei commercianti critica la nuova area a traffico limitato, altri ritengono che la limitazione al traffico porti benefici al commercio, ma no solo: secondo i gruppi ambientalisti, il piano ha dimezzato le emissioni di ossido di azoto nel cuore della città.

“C’è stata una massiccia riduzione delle emissioni – dice l’ecologista Paco Segura – ecco perché non ha senso, nessuna delle zone a bassa emissione è stata sospesa in Europa, quella che funziona meglio nei suoi primi sei mesi verrà eliminata, è un’assurdità“.

Ad ogni modo, per le strade di Madrid le reazioni sono contrastanti: per ora, tutte le auto potranno guidare attraverso il centro di Madrid senza il rischio di essere multate, tuttavia il piano potrebbe non essere così facile da invertire.

Lascia un commento