Bostrico Tipografo: il piccolo scarabeo mangia foreste

Trattamento antitarlo: il Bostrico Tipografo, microscopico scarabeo in grado di trasformare intere foreste in truciolato.

0
108

Un minuscolo coleottero in grado da solo di decimare intere foreste in tutto il mondo: può sembrare assurdo ma è ciò che accade effettivamente in alcune parti del nostro pianeta. Il responsabile di questo fenomeno naturale si chiama Bostrico Tipografo (nome scientifico Ips Typographus) o Bostrico dell’abete rosso, ovvero la preda preferita di questo microscopico parassita, per il quale non è facile individuare un trattamento antitarlo adeguato.

Appartenente all’ordine dei coleotteri e della famiglia dei curculionidi, questo insetto ha una dimensione di appena 4 mm ed è originario delle conifere europee e dell’Asia settentrionale. A distinguerlo dagli altri sono alcune caratteristiche originali. Innanzitutto, la sua capacità di trasformare interi fusti, generalmente morti o malati ma anche sani, in truciolato. Oltre ad avere lo stesso colore del legno in cui si riproduce, questo parassita è in grado di volare per lunghi chilometri alla ricerca della corteccia giusta sulla quale le larve possono scavare intere gallerie.

Ma l’aspetto più interessante e allo stesso tempo allarmante è il suo habitat. Il bostrico tipografo preferisce vivere in luoghi caldi e secchi, e il riscaldamento globale non aiuta certamente ad impedirne la proliferazione. Lo sanno bene paesi come Svizzera e Svezia. Se nel primo la siccità degli ultimi mesi sta favorendo la sua avanzata mettendo a dura prova la salute degli alberi, nel paese scandinavo le cose non vanno meglio: secondo la Swedish Forest Agency, nel 2019 questo scarabeo potrebbe divorare oltre 12,5 milioni di metri cubi di legno, con enormi danni per l’economia locale.

Se l’unico modo di frenare la sua offensiva è quello di abbattere le piante contaminate o sostituirle con un altro tipo di abete, diverso è il discorso per quanto riguarda l’ambiente domestico. Ebbene, esiste un pericolo anche per le nostre abitazioni in quanto l’abete rosso è molto diffuso in Italia, specie sulle Alpi e l’Appennino tosco-emiliano, e soprattutto nei giardini. Ma c’è di più: questa pianta è molto utilizzata anche come la classica delle decorazioni natalizie, ossia l’albero di Natale.

Esiste dunque un rischio concreto di ospitare in casa un albero già contaminato e quindi di favorire inconsapevolmente l’infestazione di altre strutture lignee presenti al suo interno, con la necessità di intervenire con una disinfestazione tarli ecologica e mirata. C’è da considerare, infatti, un duplice aspetto: questo parassita non solo non disdegna nemmeno altre tipologie di legno, ma è anche vettore di funghi dannosi per lo stesso.

Lascia un commento