Cambiare televisore: cosa accadrà dal 2020

0
258

La parola “infine”, però, non è corretta perché il progresso porta ad un continuo mutamento anche in questo settore.
A partire dal 2020 si vivrà un nuovo cambiamento che ti porterà a valutare e, probabilmente, cambiare il televisore.
Ecco che ci torna in mente il 2012, anno in cui tutti dovettero adeguarsi alle nuove trasmissioni digitali con l’acquisto di una nuova tv od un digitale terrestre separato.
Quello che succederà a partire dal 1 gennaio 2020 non sarà esattamente uguale, ma potrebbe comunque portarti ad acquistare una nuova TV 40 pollici, o della grandezza da te desiderata.

Cerchiamo di fare un pò di chiarezza a riguardo.

Cambiare televisore: le nuove regole

A partire dal 1 gennaio 2020 tutti i diversi canali in DDT cominceranno a modificare la loro codifica da MPEG-2 per farla diventare, invece, MPEG-4.
Se non sei un grande esperto del settore e non sai cosa significa tutto questo, ti possiamo dire che, in pratica, la codifica MPEG-4 è quella utilizzata per i canali HD.

La qualità dell’immagine è una delle caratteristiche sempre più ricercate nel mondo delle televisioni e questa riforma era del tutto prevedibile.
Ma quindi cosa succederà? Dovrai necessariamente gettare via il tuo tanto amato televisore?

Cambiare televisore: come adattarsi al cambiamento
Come è successo già nel 2012, il cambiamento avverrà in modo graduale.
Non tutti i canali passeranno in maniera definitiva alla nuova codifica già a partire dal primo giorno dell’anno 2020.
Il passaggio avverrà in modo graduale così da garantirti un lasso di tempo sufficiente per metterti in posizione di poter continuare a guardare i tuoi canali preferiti.
La prima cosa che devi fare è quella di capire se il tuo televisore è già predisposto per la visione MPEG-4 o meno.
Come fare? È molto semplice.
Accendi il tuo televisore e prova ad andare in un canale HD, ad esempio il 501 o 505 (che sono Rai Uno HD e Canale 5 HD).
Se li riesci a vedere correttamente puoi stare tranquillo, il tuo televisore è già perfettamente idoneo al cambiamento.
Se, invece, non riesci a vedere il canale ecco che devi cominciare a pensare al da farsi.
Le opzioni sono due:

 

    • cambiare televisore ed acquistarne uno che supporti MPEG-4;

 

    • acquistare un decoder apposito.

Ti informiamo anche del fatto che lo Stato si è impegnato a dare un piccolo contributo di 25 euro a chi dovesse acquistare un nuovo decoder.

Cambiare televisore: e dal 2022?

Se pensavi di poter tirare un sospiro di sollievo ti sbagli di grosso perché i cambiamenti non finiscono qui.

Infatti, entro il 2022 ci sarà anche il passaggio dal DVB-T, alle più avanzate HEVC e DVB-T2.

Queste modifiche andranno a regalarti una qualità immagine e video nettamente superiore a quella attuale.

In questo caso devi prendere il manuale della tua televisione ed andare a leggere i suoi dati tecnici.

Se troverai anche la voce DVB-T2 puoi stare tranquillo, in caso contrario dovrai pensare sempre al cambio di modello od all’acquisto di un decoder.

Lascia un commento