L’Amazzonia brasiliana in fiamme, fumi fino a San Paolo. Incendi: +82% rispetto al 2018

0
190

La Terra brucia nelle zone più sensibili del pianeta come la foresta amazzonica. Queste sono le immagini dei peggiori incendi mai registrati in Brasile negli ultimi sette anni.

Uno scenario apocalittico

Lo scenario apocalittico ha generato diversi cascami: i fumi hanno raggiunto la popolosa metropoli di San Paolo distante 3000 km dall’epicentro dei roghi e hanno provocato un blackout di un’ora all’inizio della settimana.

Tra gennaio e le prime tre settimane di agosto, il Brasile ha registrato 71.497 focolai di incendio, il numero più alto del periodo in sette anni, e poco più della metà di essi sono occorsi in Amazzonia, la più grande foresta pluviale del mondo.

Il numero di incendi finora quest’anno è superiore dell’83% rispetto allo stesso periodo del 2018, secondo i dati diffusi dall’Istituto Nazionale di Ricerca Spaziale (INPE), che conta gli incendi con l’aiuto delle immagini satellitari. Secondo i calcoli dell’agenzia, il 38.228, ovvero il 52,5%, delle fonti di incendio registrate fino al 18 agosto, sono state rilevate negli stati dell’Amazzonia.

Il 31% dei focolai (21.942) sono avvenuti nel Cerrado, come è nota la savana brasiliana, e vicino all’Amazzonia, e il 10,9% (7.943) nella Foresta Atlantica, la regione boschiva che confina con la maggior parte della costa del paese.

Lo stato più colpito, con 13.641 focolai, è quello del Mato Grosso, che si estende su gran parte dell’Amazzonia.

La diffusione degli incendi nella regione ha costretto alcuni stati amazzonici, come Amazonas e San Giovanni d’Acri, a dichiarare una situazione di emergenza o di allarme ambientale perché il fumo moltiplica le malattie respiratorie e perturba il traffico aereo.

Il monitoraggio satellitare

Le immagini satellitari mostrano gli incendi che si stanno diffondendo nel nordest del Brasile, raggiungendo i confini del Perù e della Bolivia. Da quando il presidente Jair Bolsonaro è entrato in carica, promettendo di ribellarsi alle protezioni ambientali e di aprire la regione amazzonica per l’industria mineraria e agricola, gli incendi della selva sono all’ordine del giorno.

L’agenzia spaziale brasiliana afferma che non c’è nulla di anormale nel clima di quest’anno e che gli incendi non possono essere attribuito a fenomeni naturali.

La più grande foresta del mondo

L’Amazzonia è la più grande foresta pluviale tropicale del mondo e l’equilibrio de suo ecosistema é cruciale per contenere il fenomeno del riscaldamento globale. L’Amazzonia assorbe grandi quantità di anidride carbonica e contestualmente ricicla l’ossigeno.

Il Parco Nazionale della Chapada dos Guimaraes, nel Mato Grosso, ha già perso il 12% della sua vegetazione, mentre la copertura vegetale della Riserva Indigena del Parco dell’Araguaia, sempre nello stato amazzonico di Tocantins, è stata decimata dal fuoco.

Colpa della deforestazione?

L’Istituto non governativo per la ricerca ambientale dell’Amazzonia (Ipam), in una dichiarazione in cui fa riferimento all’aumento degli incendi, associa la crescita delle fonti di incendio alla deforestazione promossa dai proprietari terrieri.

“Il numero di punti caldi registrati in Amazzonia è già superiore del 60% rispetto agli ultimi tre anni, e questo picco è legato alla deforestazione e non ad una siccità più grave come ci si potrebbe aspettare”, ha detto l’organizzazione. “Se la siccità non spiega gli incendi attuali, lo fa la ripresa della deforestazione della giungla. Il fuoco è normalmente utilizzato (da coloni e proprietari terrieri) per sgombrare il terreno dopo la deforestazione”, ha aggiunto Ipam nella sua dichiarazione.

Secondo l’organizzazione, gli incendi causati da agricoltori e allevatori possono sfuggire ad ogni controllo.

Secondo un rapporto dell’Istituto dell’Uomo e dell’Ambiente dell’Amazzonia (Imazon), che studia la regione da 28 anni, il tasso di deforestazione nella giungla brasiliana è cresciuto del 66% nel luglio scorso, anche se secondo le proiezioni dell’INPE questa percentuale raggiunge il 278%.

La risposta di Bolsonaro

L’aumento del disboscamento nel polmone verde del pianeta ha portato Norvegia e Germania a sospendere i fondi per il Fondo Amazzonia, dedicato alla protezione ambientale in Brasile, di cui entrambi i paesi sono i principali sponsor.

Bolsonaro ha recentemente licenziato il direttore dell’agenzia dopo che questo ha pubblicato statistiche che mostrano un marcato aumento della deforestazione in tutto il paese. Il presidente sostiene che i dati sono stati “inventati”.

Dopo le critiche, Bolsonaro ha insistito per difendere la “sovranità” del Brasile sull’Amazzonia, ha inviato il cancelliere Angela Merkel a utilizzare i fondi per “rimboschire la Germania” e ha rimproverato la Norvegia per “uccidere le balene” e “estrarre petrolio dal Polo Nord”.

Da quando è salito al potere il 1° gennaio, Bolsonaro ha proposto un cambiamento radicale nella politica ambientale, che include la difesa dello sfruttamento della foresta pluviale, la legalizzazione dell’estrazione mineraria nelle riserve indigene e la riduzione del controllo delle aree protette.

Lascia un commento