Brexit: Corte Suprema dichiara illegale la sospensione del Parlamento di Johnson

0
87

La Corte Suprema britannica ha dichiarato oggi non legale la sospensione (prorogation) del Parlamento voluta dal primo ministro Tory fino al 14 ottobre, nel pieno della crisi sulla Brexit, accogliendo i gli argomenti dei ricorsi di oppositori del governo e attivisti pro Remain. Il verdetto è stato raggiunto all’unanimità dal collegio degli 11 giudici.

Cos’è e come funziona la Corte Suprema britannica e che ruolo ha sulla sospensione del Parlamento.

Prima della decisione, Boris Johnson non aveva escluso neppure l’ipotesi di una seconda sospensione delle Camere dopo quella – ora rimandata al mittente – che vigeva dal 10 settembre al 14 ottobre.

Nella sentenza raggiunta all’unanimità, il caso è stato dichiarato innanzitutto ammissibile. La mossa di Johnson è stata quindi definita “illegale”. Lo speaker della Camera, Bercow, ha accolto con favore la decisione della Corte Suprema.

“La decisione di consigliare a Sua Maestà di prorogare il parlamento è illegittima perché ha avuto l’effetto di frustrare o impedire alle Camera di svolgere le proprie funzioni costituzionali senza una ragionevole giustificazione”. Queste le parole della presidente della Corte Suprema, Brenda Hale. Sta ora al Parlamento stesso decidere cosa fare: la prorogationnon ha più alcun effetto.

 

Lascia un commento