Cile: proclamato coprifuoco notturno, marcia indetro di Piñera sul rincaro dei trasporti

0
67

Non succedeva dai tempi della dittatura di Pinochet. L’esercito cileno ha proclamato un coprifuoco notturno a Santiago del Cile e nei dintorni della capitale.

L’annuncio è arrivato in contemporanea alla decisione del presidente Sebastian Pinera di sospendere l’aumento del prezzo dei biglietti del trasporto pubblico, l’ultimo di un serie di rincari che nei giorni scorsi aveva fatto esplodere il malcontento popolare.

Tre persone sono morte nell’incendio scoppiato in un supermercato saccheggiato a San Bernardo, città dell’area metropolitana di Santiago.

Sono decine di migliaia le persone scese in strada per protestare contro i rincari. Manifestazioni degenerate in scontri con la polizia e devastazioni in varie città del paese. Decine le stazioni della metro vandalizzate: la polizia ha parlato di oltre 150 agenti feriti. Più di 300 le persone arrestate.

Un caos che venerdì aveva spinto il governo a decretare lo stato di emergenza per quindici giorni. Il coprifuoco prevede il divieto di circolazione dalle dieci di sera alle sette del mattino L’esercito aiuterà la polizia a pattugliare le strade.

Lascia un commento